SICK dona attrezzature e dispositivi all’I.I.S. Fermo Corni di Modena

SICK_laboratorio_CorniSICK S.p.A., produttore di sensori e soluzioni per l’automazione industriale, è da sempre attenta non solo alle esigenze di mercato e degli utenti, ma anche alla formazione dei suoi dipendenti e clienti attuali e futuri. L’azienda, infatti, offre la competenza e l’esperienza dei propri tecnici specializzati per aiutare istituti tecnici, atenei ed enti che si occupano di automazione. Lezioni in aula, presso associazioni di settore o durante fiere ed eventi: SICK mette a disposizione tempo e conoscenze per dedicarsi alla formazione di quelli che saranno gli ingegneri di domani.

Ogni anno, inoltre, l’azienda dona alle scuole materiale tecnico proveniente dal suo vasto portafoglio prodotti, come sensori fotoelettrici, barriere di sicurezza e di automazione, lettori a camera, cavi, connettori e anche software.

Tra i diversi istituti sostenuti si distingue l’Istituto di Istruzione Superiore di Modena Fermo Corni, con il quale SICK collabora già da diversi anni grazie alla dedizione e professionalità dei docenti, in particolar modo del Professor Claudio Ferrari, insegnante di Automazione e Robotica.

“Nel modenese l’automazione industriale è una delle caratteristiche più innovative e qualificanti non solo delle aziende, ma anche delle scuole, specie da quando la revisione degli ordinamenti scolastici nell’istruzione secondaria superiore ha portato all’attivazione dell’articolazione di Automazione. In questo contesto si inseriscono i laboratori per la didattica dell’automazione, della robotica e del motion control allestiti presso il nostro Istituto”, spiega il Prof. Claudio Ferrari.

I laboratori sono dotati di moderne attrezzature per coniugare l’insegnamento teorico con la pratica e realizzare macchine che riproducono in modo fedele quelle utilizzate negli impianti reali, corredate quindi di tutti i sensori e di tutti gli attuatori necessari. Ciò consente lo studio approfondito dei processi industriali e permette agli studenti di affrontare e risolvere alcune delle problematiche di carattere hardware che sicuramente incontreranno al termine del loro percorso scolastico, quando saranno inseriti nel mondo del lavoro, affinando al contempo la capacità di messa a punto di programmi software.

“L’allestimento e il continuo sviluppo delle postazioni disponibili sono il risultato di una sinergia tra la scuola e numerose aziende, tra le quali anche SICK”, prosegue il Prof. Claudio Ferrari. “Si è trattato di lavorare per raggiungere obiettivi ritenuti ineludibili, con uno sforzo congiunto; da una parte SICK ha fornito le necessarie risorse tecniche ed il supporto di formazione ed assistenza, dall’altra la scuola si è impegnata nell’azione di apprendimento di una cultura che sappia integrare tradizione ed innovazione, per diffondere una formazione che dia effettiva e completa padronanza delle chiavi di lettura di ogni aspetto della realtà odierna nel mondo dell’automazione”.

SICK ha accompagnato negli anni i docenti dell’I.I.S. Corni nello sviluppo dei laboratori fornendo sempre gratuitamente dispositivi ed apparecchiature, software e supporto tecnico, e organizzando incontri di approfondimento dedicati agli studenti. In particolare, il contributo di SICK si è concentrato su un aspetto ormai imprescindibile nella progettazione e produzione di macchine automatiche: la sicurezza dell’operatore. Tutte le macchine presenti nei laboratori sono infatti equipaggiate, a seconda della tipologia e delle dimensioni, con barriere fotoelettriche di sicurezza o laser scanner, nel rispetto delle stringenti normative di sicurezza vigenti nei laboratori scolastici dove gli alunni interagiscono durante le esercitazioni con elementi meccanici in movimento.

“Oltre all’aspetto inerente la sicurezza, le suddette attrezzature consentono anche agli studenti di apprenderne le tecniche di configurazione avvalendosi del software CDS, acquisendo così conoscenze al passo con i tempi e molto apprezzate dai futuri datori di lavoro”, conclude il docente.

“È importante investire nell’istruzione per consentire la realizzazione di nuove scoperte, ricerche innovative e, soprattutto, del progresso tecnologico in ogni settore, perché lo studente di oggi sarà l’ingegnere di domani”, afferma l’Ing. Giovanni Gatto, Managing Director di SICK S.p.A. “SICK crede fermamente che sia necessario creare un filo diretto con le scuole e aiutarle nel fornire sia la consulenza necessaria per far apprendere agli studenti quella che sarà la realtà nel mondo del lavoro, sia per testare direttamente le tecnologie studiate mediante la messa in funzione dei dispositivi. Per questo l’azienda si rende disponibile a raccogliere le richieste di qualsiasi scuola italiana interessata a realizzare progetti inerenti l’automazione industriale”.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here