La foratura profonda si fa multitask

Condividi

Kantemir headquarterL’ultima macchina nata in casa IMSA si presenta come soluzione convincente per le esigenze di chi costruisce stampi multipli e offre notevoli capacità non solo in foratura profonda, ma anche in fresatura e in gestione del processo.

Nella nostra vita quotidiana siamo attorniati da una miriade di oggetti, che usiamo tutti i giorni, probabilmente senza mai soffermarci con qualche domanda sulla tecnologia con cui vengono prodotti. Stiamo parlando di oggetti piccoli e comunissimi, quali prodotti per la cura e l’igiene personale, spazzolini da denti, flaconcini, tappi di bottiglia e così via.

Quanto lavoro, e quanti investimenti ci sono dietro questi prodotti? Una risposta ce la può dare la Kantemir, azienda bretone che si occupa della costruzione di attrezzature portastampi, dedicate prevalentemente alla produzione di tappi per bottiglie in PET, al packaging alimentare e al medicale.

In particolare, Kantemir è specializzata nel settore degli stampi multipli, vale a dire attrezzature in grado di realizzare, a ogni ciclo di iniezione, lotti di decine di pezzi, con tempi-ciclo di stampaggio dell’ordine di pochi secondi.

Infatti, solo un’elevata velocità di stampaggio ed estrazione del pezzo dallo stampo può garantire la produzione economicamente redditizia di pezzi in milioni di esemplari, come, per esempio, i tappi per le bottiglie di plastica, o gli spazzolini da denti.

L’articolo prosegue all’interno dello sfogliabile, da pagina 52: http://www.macchineutensilinews.it/numeri/201502-febbraio/.

Articoli correlati

Comune ma non banale: il caso della foratura

Geometria, materiale, qualità superficiale, precisione, cadenza produttiva… quante attenzioni dietro un “semplice” foro. Fori piccoli. Fori grandi. Fori ciechi. Fori