Realtà virtuale e realtà aumentata: nuovi modi di vedere il mondo

Simulazione e manufacturing

La realtà virtuale e la realtà aumentata fanno parte a pieno titolo delle tecnologie abilitanti della Fabbrica 4.0, con enormi potenzialità che le pongono in primo piano nel prossimo futuro.

Non costituisce più novità l’affermazione che la tecnologia sarà nei prossimi anni sempre più protagonista nelle scelte di business delle aziende, non per nulla le tecnologie abilitanti costituiscono la punta di diamante del nuovo corso di Fabbrica digitale 4.0. La realtà virtuale e la realtà aumentata ne fanno parte a pieno titolo con enormi potenzialità che le pongono in primo piano nel prossimo futuro. La società di ricerche di mercato

Non costituisce più novità l’affermazione che la tecnologia sarà nei prossimi anni sempre più protagonista nelle scelte di business delle aziende, non per nulla le tecnologie abilitanti costituiscono la punta di diamante del nuovo corso di Fabbrica digitale 4.0. La realtà virtuale e la realtà aumentata ne fanno parte a pieno titolo con enormi potenzialità che le pongono in primo piano nel prossimo futuro. La società di ricerche di mercato Gartner scrive che “la realtà virtuale e la realtà aumentata cambieranno il modo in cui le persone interagiscono con il mondo digitale convergendo nella ‘Mixed reality’”, un’esperienza immersiva che unisce le funzionalità di queste due tecnologie”. La realtà virtuale è una simulazione o ricostruzione di situazioni reali, generata da un computer, in grado di immergere l’utente in un mondo non reale, ma reso estremamente realistico, attraverso una rappresentazione visiva e uditiva. La realtà aumentata, citiamo Treccani, è una tecnica di realtà virtuale, in inglese augmented reality (AR), attraverso cui si aggiungono informazioni alla scena reale”. Oggi entrambe le tecnologie si presentano sul mercato con prezzi abbordabili e questo giustifica l’ottimismo di diffusione espresso dagli operatori.

Abbiamo intervistato Mauro Faccin, direttore EuroMED – Dassault Systemes, che del mondo virtuale ha una profonda conoscenza e che da sempre sostiene che la fabbrica virtualizzata non soltanto è un potente strumento di comunicazione commerciale, ma ne garantisce una realizzazione concreta in un contesto nel quale tutte le problematiche sono state risolte a priori, appunto nel virtuale.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here