Esben Østergaard di Universal Robots vince il “Nobel della Robotica”

Esben Østergaard di Universal Robots vince il “Nobel della Robotica”

Lo scorso 23 maggio, l’American Robotic Industries Association (RIA) ha annunciato che Esben Østergaard di Universal Robots è il vincitore del premio Engelberger Robotics 2018. La cena e la premiazione si terranno alle 18:30 di mercoledì 20 giugno 2018 all’Hofbräuhaus di Monaco, in Germania, nell’ambito di Automatica 2018 e dell’International Symposium on Robotics.

Il co-fondatore e CTO di Universal Robots, Esben Østergaard, vince il “Nobel della Robotica”, il premio Engelberger 2018

Østergaard guida lo sviluppo tecnologico dei cobot Universal Robots, una delle innovazioni tecnologiche più significative prodotte dalla comunità robotica negli ultimi decenni.
Il presidente della RIA, Jeff Burnstein, definisce il co-fondatore di Universal Robots “un visionario” per aver definito una nuova categoria nella robotica.

“Il suo lavoro nel campo delle applicazioni robotiche collaborative ha permesso ai robot di entrare in settori precedentemente mai affrontati. L’enfasi posta da Esben Østergaard sui robot facili da usare e che lavorano al fianco delle persone ha creato un enorme interesse tra molte piccole e medie aziende che non hanno mai preso in considerazione prima l’applicazione dei robot. In un mondo sempre più caratterizzato dalla compresenza di persone e robot sui luoghi di lavoro, i progressi tecnologici pionieristici di Esben giocano un ruolo fondamentale.”

Jeff Burnstein

Il lancio sul mercato nel 2008 del primo robot collaborativo UR, già allora in grado di operare in sicurezza e senza barriere di protezione, rappresentava indubbiamente un rischio in una comunità produttiva, e finanziaria, abituata ad un altro tipo di tecnologia. Eppure Østergaard e il suo team hanno avuto la meglio, offrendo all’industria un robot, non solo sicuro, ma anche leggero, facile da usare e flessibile.
Sono queste le caratteristiche che oggi consentono ad Universal Robots di essere uno dei principali esponenti nel segmento dei robot collaborativi, con una quota di mercato del 58%, e un tasso di crescita che nel 2017 ha toccato quota +72%.

“Sono profondamente onorato di vincere il premio intitolato a Joseph Engelberger, l’uomo che ha rivoluzionato la produzione industriale con la robotica”, afferma Esben Østergaard. “La visione di Engelberger secondo cui un robot dovrebbe essere in grado di gestire una serie di compiti in una fabbrica, si allinea alla missione principale di Universal Robots. Personalmente sono un grande estimatore del suo lavoro.”

La “rivoluzione” di Universal Robots

Il team di sviluppatori guidato da Østergaard è stato il primo a lanciare una programmazione robot 3D user-friendly e al tempo stesso sofisticata, tramite un’interfaccia intuitiva per tablet. Ciò ha consentito anche ad operatori senza precedente esperienza in programmazione o robotica di configurare e utilizzare rapidamente i cobot UR.
Il team ha anche sviluppato le funzioni di controllo della forza e di sicurezza del robot che assicurano, in caso di impatto con la persona, l’interruzione dei movimenti della macchina rispettando gli attuali requisiti di sicurezza sui limiti di forza e coppia. Queste caratteristiche hanno eliminato la necessità di protezioni di sicurezza nella maggior parte delle applicazioni di robot UR attualmente installate nel mondo e rimangono pionieristiche per tutto il settore della robotica collaborativa.
La sicurezza, secondo Esben Østergaard, è tuttavia solo “il costo di ingresso” nel mercato dei cobot. Rimane, infatti, la caratteristica essenziale, ma non è sufficiente a garantire una posizione di leadership nel settore se non viene presa in considerazione assieme ad altri elementi che definiscono il termine “collaborativo”.

Il robot collaborativo e la “quinta rivoluzione industriale”

Un robot collaborativo è tale se, al di là di poter lavorare accanto alle persone in sicurezza, è facile da usare, è flessibile a livello applicativo e operativo, è ergonomico ed economico, smettendo di essere – quindi – una barriere all’ingresso per l’automazione dei processi di ogni impresa, a prescindere da dimensione e settore di appartenenza.
“Vogliamo rimettere il controllo dell’automazione industriale nelle mani degli operatori: invece di sostituire le persone vogliamo dargli uno strumento per svolgere il loro lavoro in modo più efficiente“, afferma il vincitore del premio Engelberger. “Vogliamo liberarli dal lavorare come robot per diventare programmatori di robot e gestire più attività a valore aggiunto. Fare questo sarà forse il miglior risultato a lungo termine derivante dall’utilizzo di robot collaborativi»”, spiega Østergaard definendo questa nuova era, la quinta rivoluzione industriale.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here