Nuove funzionalità nel calcolo di ingranaggi con la versione 03-2018 KISSsoft

    Un’accurata sintesi delle nuove funzionalità offerte dall’ultima versione 03-2018 KISSsoft, il software di calcolo di ingranaggi e di elementi di macchine maggiormente diffuso.

    La prima novità che salta subito all’occhio, appena lanciata la versione 03-2018 KISSsoft, è il logo, in particolare il font, che lascia trasparire l’acquisizione del software da parte della Gleason: una garanzia di solidità e durata nel tempo.

    Al solito, possiamo classificare le funzioni introdotte in questa release in due tipi:

    • quelle legate al miglioramento dell’interfaccia, alla facilità d’uso, all’estetica di report e grafici, alla velocità di preparazione ed esecuzione del calcolo
    • quelle legate al calcolo: novità su normative, geometrie, materiali, risultati e strumenti.

    Nuove funzionalità nel calcolo di ingranaggi con la versione 03-2018 KISSsoft

    Partiamo da queste ultime: la principale novità è stata già presentata all’edizione speciale del “Venerdì dell’Ingranaggio” in occasione della fiera MECSPE: gli ingranaggi asimmetrici. Fino ad oggi sono stati appannaggio di un unico software commerciale e di codici sviluppati “privatamente” da alcune aziende particolarmente interessate all’argomento o da tesisti. Ora sono a disposizione di tutti. Il vantaggio di tali ingranaggi, validi soprattutto quando c’è un senso di rotazione privilegiato, è poter aumentare la resistenza del dente aumentando l’angolo di pressione sul solo fianco di lavoro, senza rischiare di avere un dente a punta. In KISSsoft, nell’interfaccia del calcolo degli ingranaggi, possiamo attivare l’opzione “ingranaggi asimmetrici”. A questo punto ci troviamo duplicati i campi con l’angolo di pressione e con le caratteristiche del profilo di riferimento (raggio piede, protuberanza e semitopping). Il calcolo a resistenza verrà fatto basandosi sulla ISO 6336 con alcuni adattamenti nei fattori YF e YS, come descritto in una delle ultime tesi al TUM. Come sempre, uno dei punti di forza di KISSsoft è la trasparenza dei metodi di calcolo: i riferimenti bibliografici sono parte integrante del manuale (li omettiamo in questa breve recensione).

    Nel calcolo ingranaggi spicca il ritorno ai profili di riferimento affiancati per pignone e corona, con anche la possibilità di renderli identici con un semplice click. È possibile finalmente personalizzare la scala dei grafici 3D della TCA, in modo da rendere più facile il confronto fra diverse soluzioni.

    Strettamente correlato al calcolo della geometria e della resistenza degli ingranaggi asimmetrici è il calcolo del gioco: è possibile farlo tenendo conto della reale forma del dente, svincolandosi dalle formule classiche, che non sarebbero più valide. Questo approccio si rivela utile anche per le dentature non a evolvente, come quelle di alcune pompe a ingranaggi.

    Rimanendo nell’ambito delle ruote dentate, l’analisi del contatto, il cui motore di calcolo è stato ulteriormente migliorato, permette di ottenere anche il grafico della forza di eccitazione: il suo andamento è sovrapponibile con quello dell’errore di trasmissione ed è utilizzato per quantificare la rumorosità dell’ingranamento secondo la formulazione di Masuda.

    Prosegue in questa versione di KISSsoft l’uso dell’approccio FEM quando quello analitico non basta: per valutare la tensione a piede dente, soprattutto nel caso sia presente l’intaglio di rettifica, è ora disponibile un FEM 3D, molto più realistico di quello 2D introdotto nella versione precedente. Il risolutore è Code-Aster, un codice open-source. È lo stesso utilizzato per il calcolo della deformazione del portasatellite nella TCA degli epicicloidali e della rigidezza del corpo ruota, che ora possiamo definire in maniera più articolata rispetto alla versione precedente. In tutti questi casi KISSsoft funge da pre e post-processor dedicato e semplificato, in modo da consentire questi calcoli anche un utente non specialista di FEM.

    Dopo alcuni anni dalla prima richiesta da parte di alcuni clienti, è possiamo finalmente generare la griglia per l’evolventimetro per le corone dei riduttori a vite senza fine. Lo sviluppo è stato completato proprio per il nostro mercato italiano, che desidera abbandonare le scomode corone campione a favore di un master digitale: è la riprova di quanto sia importante per la KISSsoft il parere degli utilizzatori.

    Altre importanti novità riguardano l’adozione delle nuove norme DIN 5480-2:2015 per gli spline e DIN 7190 per gli accoppiamenti forzati e la classificazione F.E.M. degli spettri nel report.

    Per quanto riguarda i cuscinetti, oltre a trovare il database aggiornato, possiamo personalizzare i cuscinetti rimuovendo l’anello interno e/o esterno. Questo è comodo per il calcolo della rigidezza a partire dalla geometria interna, calcolo che ora può essere fatto in maniera approssimata (ma attendibile) anche a partire dal solo numero di corpi volventi.

    Per una descrizione dettagliata delle novità, si rimanda alle presentazioni video su YouTube goo.gl/inpf2K  e goo.gl/RuaBhr

    È inoltre possibile registrarsi sul sito http://www.kisssoft.ch per essere aggiornati sulle novità e sul rilascio dei service pack.

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

     

    Richiedi maggiori informazioni










    Nome*

    Cognome*

    Azienda

    E-mail*

    Telefono

    Oggetto

    Messaggio

    Ho letto e accetto l'informativa sulla privacy*

    LASCIA UN COMMENTO

    Please enter your comment!
    Please enter your name here