La coltura cellulare in stampa 3D utilizza l’idrogel PulMA

Gli idrogel biomimetici offrono numerose opportunità per le applicazioni biomedicali. Ma la creazione di microambienti sintetici che simulano gli effetti delle cavità dei tessuti naturali sulla crescita e la differenziazione cellulare necessita di nuovi metodi per controllare la risoluzione delle caratteristiche dell’idrogel, la biofunzionalizzazione e le proprietà meccaniche. Un gruppo di ricercatori mostra come questo sia raggiungibile utilizzando un idrogel a base di pullulan stampabile in 3D.

Il pullulan è un polisaccaride lineare non-ionico prodotto naturalmente dagli amidi quindi è biodegradabile, edibile e biocompatibile, atossico, non immunogenico, non mutageno e non cancerogeno così come è facilmente solubile in acqua, consentendo così la preparazione di idrogel viscosi e trasparenti. È stato proposto come strato di barriera antiadesivo per la prevenzione dei problemi postoperatori ed è ampiamente utilizzato nei cosmetici. Ha proprietà anti-radicali liberi ed è stato impiegato nelle nanofibre o nei rivestimenti per la conservazione degli alimenti, così come nelle applicazioni dell’ingegneria dei tessuti e nella medicina rigenerativa.

I ricercatori sono partiti dal presupposto che il pullulan potesse essere modificato in modo personalizzato sui suoi gruppi idrossili con gruppi chimici desiderati con l’obiettivo di realizzare strutture reticolate 3D di proprietà meccaniche regolabili.

Utilizzando il materiale ingegneristico in una formulazione fotosensibile, sono state costruite forme 3D complesse mediante irradiazione controllata spazialmente (SL), superando le attuali limitazioni nella strutturazione lungo la terza dimensione.

L’integrazione di modelli multi-scala nella stessa struttura può dunque rappresentare un importante passo avanti nei settori dell’ingegneria tissutale e della medicina rigenerativa e lo studio in oggetto conferma che gli idrogel PulMA sono eccellenti substrati che supportano la coltura cellulare dopo un’appropriata funzionalizzazione.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here