Un progetto spaziale

Lo specialista svizzero Eichenberger fornirà tre viti a ricircolo di sfere per l’aggancio in orbita del Dream Chaser alla Stazione Spaziale Internazionale, confermando che con le sue soluzioni è in grado di gestire le esigenze più severe.

La sicurezza prima di tutto

È solo uno degli ultimi progetti in ordine di tempo quello che Eichenberger sta portando avanti in uno dei settori che ha i requisiti tecnici e prestazionali più rigorosi. Nel 2015 la società svizzera ha avviato a Burg una collaborazione con il principale fornitore mondiale di prodotti per l’industria spaziale.

Scopo di tale cooperazione consiste nel portare a termine, in occasione del primo lancio del veicolo spaziale riutilizzabile Dream Chaser nel 2020, l’ancoraggio alla Stazione Spaziale Internazionale (ISS).

Per raggiungere questo obiettivo l’unità di dockingsicura al 300%” svolge un ruolo chiave: il cuore del sistema di accoppiamento è costituito da tre robuste viti a ricircolo di sfere anticorrosione, con coperchi frontali a ricircolo di sfere Carry di tipo KGE, 16×16. Garantire la massima affidabilità dello spazioplano è, infatti, una priorità assoluta e in questo senso la solidità e la resistenza dei componenti utilizzati nell’inospitale ambiente orbitante svolgono un compito essenziale, così come le loro prestazioni in termini di precisione.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here