Come realizzare una chitarra indistruttibile

Sandvik ha creato una chitarra indistruttibile con la stampa 3D e ha sfidato la leggenda del rock Yngwie Malmsteen a distruggerla. Per la costruzione il noto produttore svedese si è avvalso di una collaborazione organica tra le varie divisioni del gruppo andando a selezionare i migliori materiali, processi produttivi e strumenti di simulazione all’avanguardia. Il risultato? guarda il video!

Una chitarra indistruttibile per Yngwie Malmsteen

Sfasciare le chitarre è ormai una tradizione delle rockstar ma pochi sanno farlo con la foga del chitarrista svedese Yngwie Malmsteen; Malmsteen, uno dei 10 migliori musicisti al mondo che suonano la chitarra elettrica secondo Time Magazine, è famoso per il suo virtuosismo tecnico, ma anche per la violenza con cui distrugge i suoi strumenti. Maestro dell’heavy metal neoclassico, Malmsteen ha pubblicato 30 album e da trent’anni sfascia le sue chitarre sul palco. Il gruppo globale di industrial engineering Sandvik, ha deciso di mettere alla prova le sue tecnologie all’avanguardia realizzando la prima chitarra indistruttibile completamente in metallo, e sfidando il musicista a distruggerla con tutta la sua foga.

La sfida per Sandvik

Sandvik, player mondiale nell’innovazione dei materiali e nella produzione, ha così progettato una chitarra indistruttibile per dimostrare l’innovazione, la precisione e la sostenibilità delle sue tecnologie.

“Questa chitarra è una bestia! Tanto di cappello. Sandvik evidentemente sa il fatto suo, non si può negare”, ha commentato Malmsteen. “Il risultato è straordinario. Con tutto l’impegno possibile, non sono riuscito a sfasciarla”.

Per affrontare la sfida, i tecnici Sandvik si sono avvalsi della collaborazione del noto musicista e imprenditore Andy Holt di Drewman Guitars, che li ha aiutati a realizzare un prodotto in linea con gli esigenti standard di Malmsteen e con la sua incredibile velocità di esecuzione.

Il punto debole di ogni chitarra è l’attaccatura del manico al corpo; Sandvik ha risolto il problema fresando il manico e l’hub principale che penetra nel corpo in un unico pezzo.

Gli accorgimenti non si sono fermati qui; questo strumento infatti è frutto della collaborazione tra varie divisioni di Sandvik. Per realizzare il corpo della chitarra con la stampa 3D, Sandvik ha potuto contare sulla propria esperienza nel campo delle polveri metalliche e dell’additive manufacturing. Con i laser è stata quindi creata la forma del corpo, fondendo polvere di titanio finissima, strato dopo strato.

Il manico e i tasti della chitarra invece sono stati realizzati su un’unica macchina, a partire da un blocco pieno di acciaio inossidabile riciclato.

Guarda come è stata realizzata la prima chitarra indistruttibile del mondo

Il procedimento produttivo

  • Il corpo della chitarra è stato realizzato con procedimenti additivi sfruttando una tecnica che utilizza il laser per fondere le polveri di titanio che vengono quindi distribuite in strati microscopicamente sottili per creare l’oggetto; anche i controlli del volume e il ponte che serve a fermare le corde sono state realizzati con la stampa 3D. L’additive manufacturing consente di ridurre al minimo gli scarti e le spese di trasporto e immagazzinamento, poiché i componenti possono essere prodotti in piccole serie in prossimità del luogo di utilizzo.
  • Il manico della chitarra e l’hub sono stati realizzati in acciaio inossidabile riciclato e sono stati fresati tutti su un’unica macchina con un unico processo continuo.
  • Successivamente è stato asportato del materiale mediante fresatura tra un tasto e l’altro per soddisfare le richieste di Malmsteen, che preferisce le chitarre con i tasti scavati (“scalloped”).
  • Il manico della chitarra è stato scavato dall’interno e in alcuni punti ha uno spessore di appena 1 mm.
  • Impiegando un software sofisticato, Sandvik Coromant ha simulato digitalmente il processo di fresatura prima di eseguire la prima passata; in questo modo ha potuto scegliere gli utensili giusti, risparmiando tempo e assicurando i risultati desiderati.
  • La parte reticolare utilizzata all’interno del manico della chitarra, in acciaio super-duplex, è la struttura più robusta esistente al mondo; Sandvik è l’unico produttore di acciaio super-duplex, un materiale che abbina elevata resistenza allo snervamento e un’estrema resistenza alla corrosione, finora assolutamente ineguagliata.
  • Prima di realizzare la chitarra, Sandvik ha simulato le potenziali forze d’impatto adottando le stesse tecniche usate dalle case automobilistiche per eseguire i crash test digitali sui nuovi modelli.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here