Circuiti elettrici ecosostenibili, biodegradabili prodotti tramite stampa 3D

I prossimi sensori wireless destinati a sviluppare l’Internet delle cose saranno composti di circuiti derivati dal legno e prodotti tramite stampanti 3D: l’innovazione arriva da un gruppo di ricerca della Simon Fraser University, in coordinazione con un team di studiosi svizzeri.

Approccio green

I tradizionali circuiti stampati in polimeri e plastica che siamo abituati a vedere all’interno dei nostri device elettronici potrebbero essere sostituiti dall’innovativa cellulosa a base lignea, altamente ecosostenibile e biodegradabile, sviluppata dal professor Woo Soo Kim, direttore della ricerca.

I sensori cellulosici ecosostenibili stampati in 3D possono trasmettere dati via wireless durante la loro vita produttiva per essere scartati alla fine del loro ciclo di vita, senza incidere sull’inquinamento ambientale.

Questa importante innovazione permette lo sviluppo di un’elettronica molto più green rispetto allo stato dell’arte. Se potessimo sostituire la plastica in PCB in materiali compositi di cellulosa, il riciclo dei componenti di metallo installati sulle schede potrebbe essere molto più semplice.

Il progetto ha visto la collaborazione di due diversi team: da una parte gli studiosi svizzeri dei Federal Laboratories for Materials Science che hanno lavorato allo sviluppo del materiale cellulosico, dall’altra i ricercatori del Dipartimento di ingegneria robotica del Daegu Gyeongbuk Institute of Science and Technology’s (DGIST – Corea del Sud) e della Protem Co Inc, che hanno sviluppato gli speciali inchiostri conduttori stampabili in 3D.

I circuiti vengono stampati sulla superficie di cellulosa derivata da legno tramite una speciale tecnica di finitura, molto simile alla goffratura, associata all’impronta permanente di un disegno in rilievo ottenuto su materiali cedevoli per mezzo di pressione; questo connubio permette di imprimere modelli di circuiti molto sottili su un substrato polimerico flessibile, componente necessario e sufficiente al fine del confezionamento dei prodotti elettronici.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here