Hermle: dova va l’industria meccanica?

Produzione, automazione e digitalizzazione sono stati i temi al centro della recente e tradizionale open house organizzata da Hermle nella sede di Gosheim. Un appuntamento imperdibile per conoscere le tendenze dell’industria meccanica e le strategie di lavorazione più innovative.

Per quattro giorni lo scorso maggio la Maschinenfabrik Berthold Hermle di Gosheim ha riaperto le porte in occasione della sua tradizionale open house. A oltre 1000 aziende e 2300 visitatori è stato presentato un quadro completo dei prodotti, delle soluzioni di automazione e di digitalizzazione, delle soluzioni dell’Industria 4.0 e dei servizi offerti da Hermle quali l’assistenza competente, la produzione generativa e la scuola per utenti.

Nei quattro giorni dell’evento, visitatori provenienti da oltre 30 paesi, tra cui grandi delegazioni dai paesi europei vicini come Repubblica Ceca, Francia, Benelux, Austria, Svizzera, Polonia, Spagna, Italia, Regno Unito, Scandinavia, ma anche diverse attività con sede in Stati Uniti, Cina, Corea, Giappone ed Emirati Arabi Uniti, hanno avuto l’occasione di ricevere una consulenza completa relativamente alle proposte e alle iniziative di Hermle.

Hermle RS 05-2, la 2° generazione del sistema robotizzato compatto

Uno dei punti forti della manifestazione è stato sicuramente il sistema robotizzato RS 05-2 che, con un ingombro di soli 2 m2 e con la sua flessibilità e modularità, rappresenta una soluzione altamente innovativa. Con un peso di trasporto di 10 Kg e la sua accessibilità, l’RS 05-2 sta già riscuotendo successo tra gli operatori. La 2° generazione dell’RS 05 ora può essere adattata frontalmente (C 250, C 400 e C 32) o anche lateralmente (C 12 e C 22) ai centri di lavorazione Hermle. Il sistema robotizzato è estremamente compatto e, in base all’applicazione specifica, può essere dotato dei più svariati moduli magazzini. Per esempio, viene proposto con matrice semplice, magazzino con cinque cassetti telescopici e ripiano per matrici, magazzino pallet o anche come sistema Kanban. La modularità si pone al primo posto in assoluto. Grazie a un accesso ottimizzato per l’operatore, è possibile raggiungere tanto la zona di lavoro quanto il magazzino per compiere lavori manuali di regolazione o prova. Il robot può eseguire il cambio di pezzi grezzi/lavorati e anche pallet fino a 10 Kg di peso. Esso viene utilizzato anche per la movimentazione delle matrici da e nei vari magazzini in quanto con un dispositivo di spinta e trazione, adattato alla pinza, estrae le matrici dal magazzino o le reinserisce. Infine, il robot può essere dotato di una pinza semplice o doppia e possiede anche un’unità di soffiaggio aggiuntiva per la pulizia del dispositivo di serraggio.

Per quanto riguarda il software di automazione, Hermle offre il suo HACS (abbreviazione di Hermle Automation-Control-System). L’HACS viene utilizzato con successo già da molto tempo nei sistemi di cambio pallet e handling, così come negli impianti robotizzati di Hermle. Un quadro di comando aggiuntivo orientabile è stato adattato al posto di attrezzaggio. L’interfaccia utente semplice e intuitiva, comandabile mediante “drag & drop“, facilita l’impiego quotidiano nella produzione. L’operatore ha in ogni momento una panoramica dei compiti ancora da svolgere. Ciò garantisce una produzione il più possibile priva di inconvenienti. La struttura chiara e semplice del sistema aiuta a evitare di commettere errori. Il sistema HACS è pienamente integrato nel suo ambiente di lavoro. Il software intuitivo fornisce in un solo colpo d’occhio tutti i dati rilevanti, sia nel posto di attrezzaggio sia sull’unità di comando della macchina: per esempio panoramica del sistema, piani di lavoro, pallet, diagramma di flusso, compiti e tabella utensili. Tutti i nuovi pezzi preparati vengono inseriti automaticamente nel diagramma di flusso. Attraverso la definizione di ordini è possibile influenzare in qualsiasi momento la priorità e la sequenza di lavorazione. Con la GRP (abbreviazione di interfaccia grafica per la programmazione dei robot), i più svariati tipi di pezzi grezzi vengono posizionati sulle matrici con semplici valori di immissione in modo da ottimizzare gli spazi. Grazie alla GRP integrata nello SmartPad a sfioramento, anche le procedure dei robot e l’inserimento dei pezzi nel rispettivo dispositivo di serraggio della macchina sono eseguiti con grande rapidità sulla base dei requisiti specifici.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here