Credit Image: INDEXLAB - Creativity&Technology)
Credit: INDEXLAB - Creativity&Technology

Dal Politecnico di Milano arriva una nuova tecnologia per fabbricare elementi di rivestimenti architettonici hi-tech.

L’innovativo processo combina il taglio robotico del polistirene a tecniche di termoformatura: in questo modo è possibile creare stampi per la produzione di elementi architettonici dalle geometrie complesse a costi vantaggiosi rispetto ai metodi tradizionali.

In cosa consiste la lavorazione

Il metodo prevede la lavorazione filo-lama-uncino a caldo di polistirene estruso a cui viene applicato un rivestimento in plastica mediante termoformatura di fogli. Questi fogli irrigidiscono l’elemento e conferiscono le proprietà meccaniche ed estetiche per successive colate di materiali fluidi di ultima generazione.

Secondo Pierpaolo Ruttico, inventore di questa tecnologia e direttore del laboratorio sperimentale IndexLab, il metodo, brevettato con il nome di Hypnosis, è fino a 100 volte più veloce rispetto a quelli attualmente sul mercato e permette di coniugare le esigenze dei progettisti, che ricercano forme sempre più complesse, con quelle delle aziende, che devono adottare processi competitivi.

di Paola Tettamanti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here