Winkel, più velocità nell’intralogistica

Fast Pick Station. La postazione è costituita da un banco di lavoro posto su un soppalco al di sotto del quale viene installato un anello di avvolgimento.

Sempre al passo con l’innovazione, Winkel ha recentemente ampliato la propria gamma di componenti e sistemi di sollevamento destinati all’intralogistica.

La velocità è diventata una caratteristica fondamentale della nostra società. Non ci accontentiamo più solo di avere delle connessioni veloci, ma abbiamo trasferito questa necessità anche alle attività industriali e logistiche. Di conseguenza, ai sistemi di automazione vengono richieste prestazioni sempre maggiori mantenendo elevati standard qualitativi e di affidabilità. Per poter garantire queste prestazioni è necessario un continuo sviluppo dei propri prodotti.

Negli ultimi anni Winkel ha sviluppato diversi prodotti per fare fronte alle nuove esigenze del mercato, tenendo in considerazione che, nell’ambito della logistica, la necessità di incrementare le prestazioni è dovuta anche al sempre maggiore sviluppo dei magazzini verticali.

Nell’ottica di perseguire questo obiettivo, Winkel ha progettato nuovi componenti e sistemi, fra cui annoveriamo:
• cuscinetti con rivestimento in poliammide;
• elevatori e assi lineari a cinghia;
• soluzioni innovative nel campo dei trasloelevatori per cassette e soluzioni per la logistica con unità di commissionamento.

Elevatori e assi lineari

Per un costruttore come Winkel è stato immediato mettere a frutto lo sviluppo di nuovi componenti anche nei suoi due sistemi “storici”: gli elevatori e gli assi lineari. Per quanto riguarda gli elevatori, la soluzione consolidata prevede l’impiego di catene di sollevamento e di cuscinetti combinati classici in acciaio; ma questa soluzione comporta il limite di velocità pari a circa 2 m/s. Per poter aumentare le prestazioni è stato necessario realizzare una nuova serie di elevatori che rispetto a quella classica prevede:
– impiego di nuove unità combinate in poliammide. Queste unità permettono come quelle classiche in acciaio la possibilità di registrazione del gioco sia assiale che radiale;
– impiego di cinghia di sollevamento piana in esecuzione rinforzata;
– adozione di un contrappeso che si muove dalla parte opposta del carrello di sollevamento per limitare la potenza dei motoriduttori.

Questa innovativa soluzione permette anche di arrivare a corse di oltre 40 m grazie alla particolare struttura della colonna degli elevatori con guide di corsa che consentono di ottenere un’ ottima rigidezza torsionale della colonna; per le giunzioni sono realizzati degli opportuni “incastri”.

Per quanto riguarda invece gli assi lineari, la serie a elevata dinamica DLE prevede l’impiego di guide lineari a ricircolo di sfere con azionamento a cremagliera inclinata oppure a cinghia oppure la serie PLE con l’impiego di unità combinate in poliammide e azionamento a cinghia.

Gli elevatori a cinghia, disponibili nelle versioni a singola o doppia colonna, consentono velocità elevate e sollevano carichi fino a 6.000 kg. Gli elevatori sono disponibili anche con catena di sollevamento per velocità fino a 2 m/s e portate fino a 6.000 Kg.

Il trasloelevatore che evita le oscillazioni

Winkel ha ideato anche una nuova serie di trasloelevatori per cassette, denominata Colibrì, che fornisce al cliente diversi vantaggi. Diversamente dai tradizionali trasloelevatori, nei quali la trasmissione della forza del motore avviene tramite frizione sulle guide, con Colibrì ciò avviene per mezzo dell’albero cardanico direttamente sulla cremagliera sulla parte superiore e inferiore della guida. Questo tipo di azionamento, quasi privo di perdite, sperimentato anche su numerose altre applicazioni, evita le oscillazioni del trasloelevatore, che si creano con l’accelerazione e la frenatura e che devono altrimenti essere regolate dal motore. Un grande vantaggio per l’operatore: i trasloelevatori Colibrì di Winkel vengono costruiti in modo semplice ma robusto, e sono più dinamici ed efficienti. Pertanto, i vantaggi del trasloelevatore di Winkel si possono così riassumere:
– incremento del 25% della capacità produttiva;
– migliorie del 10% nello sfruttamento dello spazio;
– riduzione del peso del 30%;
– riduzione del consumo di energia.

Pallettizzazione, de-pallettizzazione e approntamento

Pallettizzazione, de-pallettizzazione e approntamento sono tutte attività in cui la merce deve essere movimentata nel più breve tempo possibile. Per questi ambito d’impiego, Winkel ha sviluppato la stazione Fast Pick Station che non solo migliora l’ergonomia sul posto di lavoro, ma sveltisce anche i processi, aumenta la capacità di presa, la qualità di approntamento e rende la movimentazione della merce più sicura. Con Fast Pick Station si possono eseguire sino a 800 prese all’ora senza alcuna difficoltà e senza alzare pesi; eventualmente, è possibile inserire una postazione per il ricovero di palette vuote, in modo da procedere con preparazione del materiale anche durante la fase di avvolgimento. Inoltre, in tutto il processo, il numero di errori è praticamente pari a zero. L’area di lavoro è accessibile da tutti i lati e per tale motivo, la Fast Pick Station può essere completamente automatizzata.

Fast Pick Station aumenta notevolmente l’efficienza nelle attività di pallettizzazione, de-pallettizzazione e approntamento. Al contempo si preserva la salute dei collaboratori e si aumenta la sicurezza della merce durante i trasporti. Grazie a ciò, Fast Pick Station è una soluzione affidabile ed economica, facilmente integrabile negli processi produttivi e logistici già esistenti.

La stazione può essere utilizzata in diversi settori, tra cui anche: l’industria automobilistica e componentistica, nel commercio di alimentari, nell’industria tessile e farmaceutica.

Cuscinetti e profili in poliammide

Rotella in Poliammide disponibile come singolo componente oppure impiegata nelle unità combinate degli elevatori Winkel.

Già alla fine degli anni Novanta, Winkel aveva ricevuto richiesta di realizzare sistemi di automazione dotati di cuscinetti combinati, con caratteristiche dinamiche elevate senza perdere la possibilità di assorbire carichi importanti. In quel periodo Winkel disponeva di un sistema cuscinetto, rivestito in Vulkollan, che garantiva velocità fino a 3 m/s con capacità di carico che non erano più sufficienti a soddisfare tutte le applicazioni. Per questo motivo, accanto al cuscinetto in Vulkollan, è stato aggiunta una nuova serie di cuscinetti combinati rivestiti in poliammide che:
– garantisce una migliore dispersione del calore;
– consente di arrivare alla velocità di 5 m/s;
– avendo una maggiore durezza superficiale, consente un incremento delle capacità di carico fino a circa un 35–50% rispetto al Vulkollan.

Per tener conto delle nuove esigenze è stata anche ampliata la gamma dimensionale aggiungendo una taglia maggiore. Ma Winkel non si è fermata solo alla richiesta di maggiori prestazioni dinamiche e di capacità di carico; ha anche lanciato sul mercato una nuova serie di profili in alluminio per alleggerire l’intero sistema, laddove possibile.

di Fabio Valle

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here