La caffettiera “a propulsione”

9Barista è la prima caffettiera per espresso al mondo con motore a reazione incorporato, frutto della mente dell’ingegnere meccanico William Playford. In occasione della sua ricerca post laurea sulla progettazione di motori a reazione presso il Whittle Laboratory dell’Università di Cambridge, Playford stava cercando un dispositivo
che fosse robusto, portatile e che potesse produrre un espresso di alta qualità senza i prezzi elevati delle macchine professionali che si trovano al bar. Ideò così una caffettiera con motore a reazione. Dopo cinque anni di lavoro, 9Barista è il risultato della passione di Playford per il caffè e della sua conoscenza del design dei turbogetti. La macchina è robusta e portatile come una classica moka, ma produce un espresso autentico attraverso un sistema unico a doppia caldaia.

La strada verso il successo

Dopo aver dimostrato che la sua idea funzionava con un prototipo in ottone massiccio, Playford ha collaborato con Protolabs per realizzare le parti della caffettiera che dovevano essere stampate a iniezione. Queste includevano le boccole esterne della maniglia superiore e inferiore, il camino, il taglio termico, il tappo del cestello e l’isolatore della testa del gruppo. Due parti sono state prodotte in silicone, tre in nylon nero e una parte in poliammide. Fin dall’inizio, 9Barista è stato un successo tra gli amanti del caffè.

Nel luglio del 2020 abbiamo ricevuto un’ottima recensione su YouTube dal vincitore del
World Barista Championship nel 2017 – ha spiegato Playford, con quasi 1,5 milioni di visualizzazioni. Le vendite di conseguenza sono aumentate di 10 volte”.

Con la domanda per la sua macchina per il caffè che andava alle stelle, Playford ha cercato di soddisfare i clienti, rivolgendosi ancora una volta a Protolabs per un aiuto.

Quando si tratta di cicli di produzione, non ci sono molte opzioni per la produzione
di volumi ridotti. Le officine tradizionali tendono ad avere quantità minime d’ordine
e richiedono ai partner di acquistare grandi quantità. Questo è probabile che aggiunga costi e dilati i tempi per l’approvvigionamento dei pezzi. Ma Protolabs risponde alle esigenze sia della prototipazione che della produzione. Per i requisiti di produzione, il servizio ODM (On Demand Manufacturing) offre prezzi più competitivi per i pezzi, insieme alla manutenzione e alla proprietà degli stampi garantiti per tutta la vita. L’ODM è perfetto per la fase di pre produzione ancora non definitiva, attraverso l’utilizzo di stampi in alluminio a basso costo prima di impegnarsi nell’investimento ingente per gli stampi in acciaio. La soluzione è adatta anche per gestire le emergenze della catena di fornitura, come i ritardi di spedizione o quando gli stampi in acciaio sono in riparazione. E l’ODM è adatto alla volatilità della domanda, quando ci sono picchi nelle vendite che richiedono una risposta rapida ma limitata nella produzione. Playford è così passato al servizio ODM di Protolabs.

Le quantità di pezzi stampati a iniezione che Playford ha ordinato da Protolabs sono passate da 200 a 1.500 per lotto. Con la domanda che supera l’offerta, la velocità era essenziale. La rapidità di Protolabs ha anche aiutato Playford a portare il suo prodotto sul
mercato più celermente. “La velocità e la semplicità del processo di Protolabs hanno aiutato molto – ha aggiunto Playford . L’altra cosa positiva è che al variare del progetto o del preventivo, varia automatiamente il prezzo: il tutto o line e istantaneamente. Il calcolatore dei prezzi on demand di Protolabs ti permette di prendere decisioni analitiche molto informate su cosa ordinare, quando ordinare e in quali quantità. La maggior parte di ciò che abbiamo fatto è stato scalare la produzione per soddisfare la domanda. In genere, quando si aumenta la produzione, appaiono dei problemi, ma con Protolabs questo non è accaduto“.

di Dario Rea

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here