Stop alla corrosione da sfregamento e alla falsa brinellatura

Il lubrificante GSV 791 di Microgleit, parte del Gruppo Coventya, i cui prodotti sono distribuiti da Tools Distribution, si dimostra ideale laddove vi siano problemi di corrosione da sfregamento

Tra i protagonisti del mercato dei lubrificanti e parte del Gruppo Coventya, Microgleit è in grado di soddisfare qualunque esigenza sviluppando e producendo un’ampia gamma di specialità tribologiche distribuite da Tools Distribution. Tra queste anche un lubrificante bianco di ultima generazione ideale per applicazioni su cuscinetti a rulli, oltre che su guide a scorrimento, giunti sferici e trasmissioni di potenza.

I cuscinetti figurano tra i componenti maggiormente utilizzati su macchine di qualunque tipologia e complessità, grazie alla loro capacità di ridurre l’attrito tra due oggetti in movimento tra loro. Attrito che risulta significativamente inferiore nei cuscinetti volventi rispetto a quelli radenti (o noti anche come a strisciamento), grazie al loro intrinseco design. A loro volta i cuscinetti volventi, a seconda del tipo di applicazione cui sono destinati, possono suddividersi tra quelli a sfere, rulli, a ingranaggi, chiamati a soddisfare determinate caratteristiche costruttive e prestazionali in base alla funzione che devono assolvere, nel sistema in cui sono inseriti.

Alberto Botta, Product Manager del Settore Protettivo di Coventya Italia

A questo proposito pensiamo per esempio alle comuni biciclette e alla loro testa serie sterzo, ovvero al collegamento mobile tra la ruota anteriore e la parte posteriore: la loro funzione è fondamentale sia per l’esperienza di guida, sia per la sicurezza. Anche piccoli movimenti del manubrio possono infatti cambiare la direzione del mezzo in movimento. Nella maggior parte delle biciclette vengono utilizzati cuscinetti a sfere, ovvero una tipologia abbastanza economica, facili da assemblare e a basso attrito. In alcuni casi, soprattutto per biciclette di fascia alta, si impiegano invece i più pregiati cuscinetti assiali a rulli cilindrici, caratterizzati da maggior resistenza alla falsa brinellatura.

«Entrambe le tipologie hanno bisogno di una buona lubrificazione – spiega Alberto Botta, Product Manager del Settore Protettivo di Coventya Italia – ma, specialmente per i cuscinetti a rulli, il lubrificante utilizzato avrà un impatto significativo sul comportamento dell’usura e sugli intervalli di manutenzione».

Cuscinetti ad alte prestazioni, con minima l’usura

Se si osserva il cuscinetto della testa dello sterzo quando si è in sella a una qualsiasi bicicletta in movimento, si potranno notare solo movimenti molto piccoli in direzioni radiali (solo pochi gradi). Più alta sarà la velocità e più contenuti, come facilmente immaginabile, saranno i movimenti.

Mauro Gatti, titolare di Tools Distribution Srl

«In direzione assiale – precisa Mauro Gatti, titolare Tools Distribution Srl – il cuscinetto deve poter “portare” tutti i carichi, ovvero il peso della bicicletta e quello del ciclista. Quindi tutti gli impatti dinamici vengono trasferiti dalla ruota/forcella anteriori, inclusi eventuali shock e vibrazioni. La combinazione di piccoli movimenti oscillatori e specifici carichi elevati, rendono i cuscinetti vulnerabili alla corrosione da sfregamento e alla falsa brinellatura. Questo impatterà negativamente in termini di precisione sulla direzionalità del mezzo, con possibilità anche di creare problemi di sicurezza nella guida. Per evitare che ciò accada occorre una manutenzione frequente con l’eventuale sostituzione dei cuscinetti. Oppure si può utilizzare un lubrificante le cui proprietà consentano di minimizzare le problematiche d’usura sopra citate».

In questo contesto il lubrificante GSV 791 di Microgleit, parte del Gruppo Coventya, i cui prodotti sono distribuiti da Tools Distribution, si dimostra ideale laddove vi siano problemi di corrosione da sfregamento. Non solo dunque per risolvere criticità nei cuscinetti a rulli presenti nella testa serie sterzo di qualunque bicicletta, ma per esempio anche in applicazioni con guide a scorrimento, giunti sferici e trasmissioni di potenza. Stiamo infatti parlando di un lubrificante bianco di ultima generazione a elevate prestazioni, a base di uno speciale sapone con complesso di litio, olio sintetico e una combinazione di lubrificanti solidi sinergici, microWhite.

Idoneità confermata

Per stabilire l’idoneità del citato lubrificante sono stati effettuati dei test “SNR FEB2”, la cui configurazione si avvicina all’ambiente tribologico dei cuscinetti dello sterzo.

«In questo test – rileva Gatti – vengono applicati su due cuscinetti a sfere dei piccoli movimenti oscillatori sotto alti carichi assiali. In altre parole si ricreano delle condizioni di funzionamento difficili per cuscinetti e lubrificanti. Se quest’ultimo svolge a dovere la sua funzione nel test, farà lo stesso nelle teste dello sterzo».


Il grafico mostra i risultati del test “SNR FEB2”, ovvero il confronto tra i volumi di usura di cuscinetti lubrificati con il Microgleit GSV 719, comparati con dei “grassi di riferimento”

Dai risultati del test emerge chiaramente come i cuscinetti lubrificati con il Microgleit GSV 719 non presentino usura. Le aree di contatto presentano strati di reazione tribochimica molto sottili, che proteggono il cuscinetto dall’usura e migliorano il regolare funzionamento. Ad avvalorare i risultati è anche la scelta di aver utilizzato nel test un “grasso di riferimento” di alta qualità con lubrificanti solidi bianchi, impiegato per esempio nei cuscinetti delle centrali eoliche per evitare la falsa brinellatura e altri danni attraverso vibrazioni o oscillazioni.

«Il lubrificante Microgleit GSV 791 – conclude Botta – ha superato il riferimento in tutti gli aspetti. Dopo la distanza di prova il volume di usura rilevato è stato di gran lunga inferiore. Anche la consistenza del grasso era ancora buona, mentre il riferimento risultava completamente usurato, fratturato e mostrava segni di usura profondi, incluse particelle di sali rossi causate dalla corrosione da sfregamento».

(di Gianandrea Mazzola)

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here