Tomatis Lamiere: dal piccolo artigiano alla grande industria

Da quasi 60 anni Tomatis Lamiere (www.tomatislamiere.com) lavora i metalli seguendo un modello produttivo all’avanguardia, basato sulla sostenibilità e sull’etica, oltre che sull’innovazione tecnologica. L’obiettivo dell’intero team è quello di prendersi cura del cliente in ogni fase del lavoro, valorizzando il rapporto umano e la fiducia tra le parti, senza distinzioni nella gestione di commessa, sia che si tratti di privati, di Pmi, o di realtà multinazionali ed estere servite abitualmente.

Tra le maggiori realtà italiane attive nel campo della lavorazione dei metalli, Tomatis Lamiere ha fatto dei continui investimenti in tecnologia e innovazione di processo un importante punto di forza che le permette di anticipare le esigenze del mercato e di distinguersi in termini di: qualità del modello di produzione; tempi di consegna rapidi e flessibili; sostenibilità dei prodotti realizzati. Una storia di successo iniziata nel 1963 grazie a Vittorio Tomatis che decide di fondare a Cuneo l’omonima Vittorio Tomatis snc, una ditta di poco più di 500 mq dedicata al taglio di lamiere con la fiamma ossiacetilenica. Con l’obiettivo di crescere e di migliorare i servizi al cliente, vengono acquistati nel tempo macchinari sempre più efficienti e performanti (negli anni ’70 la prima cesoia a ghigliottina, negli anni ’80 i primi pantografi e le prime piegatrici, nel 1998 il primo impianto di taglio laser 2D).

Da sinistra: Davide e Luca Tomatis, terza generazione alla guida della Tomatis Lamiere di Cuneo.

«Una crescita – afferma Luca Tomatis, terza generazione alla guida dell’azienda – che ha portato a cavallo del nuovo secolo a raddoppiare la metratura del capannone e a investire nella tecnologia di taglio laser tubo, aumentando ulteriormente la gamma di lavorazioni».

Gli investimenti non cessano nel corso degli anni e la società, divenuta nel 2008 Tomatis Lamiere, cresce fino a diventare un punto di riferimento per il taglio e la lavorazione di lamiere.

Flessibilità e versatilità per assicurare tempi di consegna rapidi e sicuri

Con oltre 3.000 clienti attivi e più di 17.000 commesse annue, Tomatis Lamiere svolge la propria attività su 16.000 mq di superficie produttiva coperta, dove vengono processati oltre 20.000 t di semilavorati all’anno da circa una novantina di addetti. Nata come attività locale, Tomatis Lamiere è oggi in grado di servire clienti appartenenti ai più svariati settori, senza distinzioni nella gestione di commessa, sia che si tratti di privati, di Pmi, o di realtà multinazionali ed estere servite abitualmente.

«Il nostro core business – precisa Tomatisè il taglio lamiera, effettuato con tecnologie laser, plasma, ossitaglio, unitamente alla piegatura. Relativamente più recente è invece l’integrazione al nostro interno anche di un reparto dedicato al taglio laser tubo, un reparto dedicato alla calandratura e alla lavorazione meccanica dei pezzi tagliati. L’obiettivo è quello di riuscire a fornire un servizio sempre più completo e flessibile per rispondere efficacemente alle più diverse esigenze di clienti che vanno dal piccolo artigiano alla grande industria».

Gli svariati settori serviti impongono all’officina grande flessibilità e versatilità, per assicurare tempi di consegna rapidi e sicuri. «Conosciamo le esigenze dei diversi settori di mercato – continua Tomatise sappiamo bene come l’avere anche un magazzino lamiere ben fornito significhi reattività verso i nostri clienti. Per questo motivo abbiamo uno stock di oltre 4.000 tonnellate di materiale sempre disponibile, con una vasta gamma di qualità, spessori e formati».

Da questo punto di vista, l’attività può lavorare acciai, acciai speciali, strutturali, inossidabili, acciai antiusura, bonificati, acciai caldareria, oltre a metalli non ferrosi come alluminio, rame e ottone. «Le nostre tecnologie di taglio – spiega Tomatispermettono di processare con il laser fogli di lamiera con spessori compresi tra 0,8 e 20-25 mm, con il plasma fino a 40 mm, con l’ossitaglio fino a 300 mm. Con i nostri tre impianti di taglio laser tubo lavoriamo invece tubi e profilati di ferro o acciaio inox con un diametro massimo di 355 mm».

Un parco macchine consistente alla cui base risiede un modello di produzione efficiente, gestito da una piattaforma software gestionale altrettanto efficace.

Dalla produzione sostenibile al rispetto dell’ambiente

Per Tomatis Lamiere è importante oltre che la ricerca di una produzione sostenibile, anche l’attenzione riposta quotidianamente per ridurre al minimo l’impatto ambientale grazie a un impianto d’illuminazione stabilimento a luce Led, al costante utilizzo di carta e scatole riciclate, all’impiego di carrelli di sollevamento elettrici e a risparmio energetico, all’informatizzazione dei sistemi per ridurre il consumo di fogli stampati, ai sistemi di abbattimento delle polveri, al recupero e il riciclaggio dei bancali e degli imballaggi in legno. Senza dimenticare l’impianto fotovoltaico da 1 MW di potenza che fornisce gran parte dell’energia di cui la produzione ha bisogno ed evita l’immissione in atmosfera di oltre 500 tonnellate di anidride carbonica ogni anno.

«Sempre dal punto di vista ambientale – conclude Tomatisnegli scorsi mesi abbiamo aderito al programma “100 mila piante in Piemonte”, volto al rimboschimento e alla creazione di un “carbon sink” per l’anidride carbonica, contribuendo all’acquisto di 1.500 piante da distribuire a enti pubblici e privati della provincia di Cuneo, in Piemonte».

L’azienda in breve

Ragione sociale
Tomatis Lamiere Srl – Cuneo, Piemonte

Lavorazioni principali
Taglio laser, taglio laser tubo, taglio plasma, ossitaglio, piegatura (anche robotizzata), calandratura, asportazione truciolo, marcatura a punzoni

Parco macchine
3 impianti di taglio laser a fibra (da 5 e 8 kW di potenza), 4 impianti di taglio laser piano a CO2 (da 3,2 a 5 kW di potenza), 3 laser tubo (diametri lavorabili fino a 355 mm), 2 impianti di taglio plasma (da 260 e 440 A, con banco da 3000×24000 mm), 3 ossitaglio (banco da 3000×24000 mm), 10 piegatrici (di cui una robotizzata) per pieghe fino a 12.600 mm (da 45 a 2.000 ton), 5 calandre (fino a 4500 mm di larghezza), 1 centro di lavoro verticale (3.000 x 850 mm), 1 marcatrice a punzoni (da 80×50 mm)

Materiali lavorati
Acciai da costruzione, acciai da bonifica, acciai legati speciali, acciai inossidabili, metalli non ferrosi. Stock di oltre 4.000 t di materiale sempre disponibile, con una vasta gamma di qualità, spessori e formati

Metrologia
Controllo con micrometro per fori e rugosimetro per le lavorazioni meccaniche

Settori applicativi
Macchine agricole e movimento terra, veicoli e impianti industriali, macchinari e impianti per sollevamento, macchinari e impianti per raccolta e riciclaggio rifiuti, edilizia, energia (fotovoltaico, idroelettrico ed eolico)

Certificazioni
ISO 9001:2015, ISO 45001:2018, ISO 14001:2015, UNI EN 1090

Personale in azienda
Staff composto da 90 dipendenti

Servizi aggiuntivi
Tomatis Lamiere si avvale di partner per lavorazioni di saldatura (anche robotizzata), sabbiatura, granigliatura e zincatura a caldo o a freddo

Numeri

  • 90 dipendenti
  • 24 milioni di euro di fatturato
  • 16.000 mq di superficie produttiva coperta
  • 3.000 clienti attivi
  • 17.000 commesse annue
  • 20.000 t di semilavorati processati all’anno

di Gianandrea Mazzola

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here