Da Bosch Engineering nuovo tester per i componenti ad alta tensione

Bosch Engineering ha presentato una nuova apparecchiatura di test per i laboratori alta tensione (HVLR). Obiettivo dell’azienda è di rendere disponibile  una soluzione veloce, efficiente e soprattutto sicura per testare l’elettronica di potenza in laboratorio. Il sistema integra un alimentatore ad alta tensione e le funzioni di sicurezza elettronica per il circuito del componente testato, tutto in un modulo di comando compatto portatile.

«Molti test dell’elettronica di potenza per i veicoli possono essere trasferiti dal banco di prova al laboratorio per alta tensione. Questo permette di dare spazio prezioso sul banco di prova ad altre attività di test e collaudo e di ridurre tempi e costi di sviluppo», dichiara Andreas Nachreiner, head of product management business Field eMobility di Bosch Engineering.

Grazie al design modulare, il tester è flessibile e può adattarsi ai requisiti dei singoli clienti. Per esempio, si possono selezionare diversi livelli di tensione fino a 1.200 volt e differenti interfacce di comunicazione, oltre a un carico fittizio integrabile, in opzione. È anche possibile l’upgrade successivo, per esempio per tensioni in uscita più alte, fino a 1.500 volt. Il sistema è dotato di uno  schermo touch-screen che offre anche una panoramica precisa di tutti i parametri operativi, come i messaggi di stato, le informazioni sulle impostazioni di sistema ed eventuali avvisi di errore.

 

Livello di sicurezza elevato contro pericolose tensioni

Un elemento fondamentale di cui si è tenuto conto nella progettazione dell’HVLR è la sicurezza delle operazioni di test quotidiane. «In laboratorio, molti test devono essere eseguiti direttamente su componenti elettrici di potenza sotto tensione», spiega Heinz-Georg Schmitz, director Engineering Mechatronic Solutions di Bosch Engineering. «Qualsiasi errore può mettere a rischio la vita dell’operatore. Il nostro prodotto tiene conto di tutte le potenziali cause di incidente e riduce i rischi quando si lavora sul circuito ad alta tensione».

Un altro vantaggio che ne deriva è la protezione dell’oggetto di prova da danni durante il test. Un fattore che si rivela particolarmente utile per i componenti dei prototipi che sono disponibili solo in piccole quantità e, se danneggiati, causerebbero ritardi nel processo di sviluppo. Le funzioni di sicurezza sono implementate mediante un’unità separata, il modulo di sicurezza (safety box) per alta tensione (HVSB). Sviluppato in conformità alla DIN EN ISO 13849 rende disponibile il monitoraggio dell’isolamento, un circuito di interblocco, l’integrazione in un sistema salvavita del laboratorio e l’interfaccia PLC, che permette l’integrazione perfetta del modulo HVLR nell’automazione del laboratorio per alta tensione e l’azionamento da remoto. La safety box ad alta tensione è inclusa nell’apparecchiatura di test da laboratorio ad alta tensione, ma è disponibile anche come modulo separato, per esempio, per il retrofit delle funzioni di sicurezza e dell’interfaccia PLC degli alimentatori ad alta tensione già esistenti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here