Fluidi eco-friendly per l’oleodinamica

EFFLICS

Negli ultimi anni, una delle tematiche di maggior rilievo nel settore dell’oleodinamica, è la ricerca, l’analisi e l’utilizzo di fluidi eco compatibili che consentano performance efficienti e allo stesso tempo riducano l’impatto ambientale. EFFLICS: Eco-Friendly Fluidics for Fluid Power, progetto di ricerca industriale co-finanziato da POR FESR Emilia-Romagna 2014-2020 e dal Fondo per lo Sviluppo e la Coesione, i cui risultati di ricerca sono stati presentati mercoledì 19 gennaio nell’ambito dell’evento conclusivo delle attività del progetto, ha cercato di dare risposte concrete a questa necessità.

Progetto Efflics: risultati e opportunità di sviluppo green

Le attività di ricerca sviluppate dai quattro laboratori di ricerca industriale attivi sul progetto, in cui il Laboratorio MechLav del Tecnopolo di Ferrara ricopre il ruolo di capofila, hanno portato alla luce risultati di estremo interesse per il settore e per la filiera in cui sono inserite macchine volumetriche oleodinamiche, con particolare riferimento a componenti per la trasmissione di potenza in ambito industriale.

Nello specifico, il progetto ha consentito:

  • lo studio e l’analisi di oli ecologici commerciali (tra i quali l’olio di colza) da scegliere rispetto a particolari caratteristiche termofisiche e caratteristiche di invecchiamento,
  • lo sviluppo di metodologie innovative per l’analisi fluidodinamica computazionale applicata alla progettazione di macchine e componenti,
  • l’identificazione dei rivestimenti oleofilici nanostrutturati più idonei per il coating dei componenti utilizzati nelle trasmissioni di potenza,
  • la realizzazione di un innovativo sensore in grado di analizzare lo stato di invecchiamento dei fluidi a partire dall’analisi dei vapori.

I risultati delle attività svolte hanno contribuito alla creazione di una letteratura di riferimento, altrimenti molto scarna e di difficile reperibilità. Inoltre, hanno condotto alla realizzazione di soluzioni con buone possibilità di industrializzazione, come nel caso del sensore, che consentirebbe agli utilizzatori finali una più efficiente gestione dei fluidi negli impianti.

Guarda il video di presentazione dei risultati

Oltre al laboratorio MechLav hanno collaborato alle attività di ricerca InterMech dell’Università di Modena e Reggio Emilia, il CNR ISTEC di Faenza e il CNR STEMS di Ferrara. Hanno inoltre supportato operativamente le attività sviluppate i 3 partner industriali coinvolti nel progetto: ZF Automotive S.r.l. di Ostellato (FE), Dana Motion Systems Italia S.r.l. di Reggio Emilia ed Oilsafe S.r.l. di Modena.

Un esempio concreto di come imprese e laboratori di ricerca industriale possano creare valore dalla propria collaborazione all’interno dell’eccellente ecosistema della ricerca e dell’innovazione che opera in Emilia-Romagna, Regione modello a livello nazionale e internazionale.