Il Fondo GID per le grandi imprese in difficoltà

Riaperti i termini per la concessione del prestito a tasso agevolato, destinato alle grandi imprese che presentano un valido piano di rilancio aziendale.

Istituito nel luglio del 2021, promosso dal Ministero dello Sviluppo Economico e gestito da Invitalia, il Fondo Grandi Imprese in Difficoltà è destinato alle compagini che si trovano ad affrontare problematiche finanziarie causate dalla crisi pandemica, e dovrà servire per sostenere la ripresa o la continuità delle attività imprenditoriali, in un momento di stallo, previa presentazione di un piano di rilancio, realistico e credibile. Il fondo, con una dotazione di 400 milioni di euro, opera attraverso la concessione di prestiti a tasso agevolato, a grandi imprese o imprese in amministrazione straordinaria, prevedendo una restituzione quinquennale. C’è ancora tempo per poter fare richiesta di ammissione: gli sportelli, infatti, dopo un’iniziale chiusura nel mese di novembre 2021, sono stati riaperti a dicembre e sarà possibile presentare la domanda di accesso fino al prossimo 29 aprile, alle ore 11.59.

La genesi normativa

Con l’articolo 37 del decreto legge 41/2021 (noto come Decreto Sostegni), sono state varate una serie di misure urgenti connesse all’emergenza da Covid-19, destinate alle imprese in situazione di temporanea difficoltà finanziaria. Per poter proseguire l’attività veniva istituito, presso il MiSE, un fondo per l’anno 2021, con una dotazione di 200 milioni di euro. Tramite il fondo, sono stati concessi aiuti alle grandi imprese, sotto forma di finanziamenti, da restituire in un termine massimo di 5 anni. Con decreto interministeriale del 5 luglio 2021 e decreto direttoriale del 3 settembre 2021, veniva istituito il Fondo Grandi Imprese in Difficoltà, operativo solo per il 2021 e finanziato con ulteriori risorse. Tuttavia, vista l’emergenza, con decreto direttoriale del 30 novembre 2021 lo sportello è stato riaperto, e le istanze possono essere presentate fino al 29 aprile 2022, alle ore 11.59 – salvo esaurimento dei fondi. In questo ultimo caso, è sempre consigliabile monitorare l’iter del finanziamento, perché lo sportello potrebbe essere nuovamente riaperto, come è già accaduto.