Friuli-Venezia Giulia, bando per fiere estere

È stato attivato, anche per l’anno 2022, l’atteso bando “Finanziamento a fondo perduto per mostre, fiere esposizioni e manifestazioni commerciali nazionali ed estere”, promosso dalla Regione Friuli Venezia Giulia nel quadro della Legge Regionale n. 12/2002.

Incentivi in conto capitale

Proprio in attuazione della legge, il bando concede incentivi in conto capitale per la partecipazione a mostre, fiere, esposizioni e manifestazioni commerciali nazionali ed estere.

Soggetti beneficiari

Microimprese, le piccole e medie imprese, i consorzi e le società consortili, anche in forma cooperativa, iscritti all’Albo provinciale delle imprese artigiane.

Fino a due manifestazioni

Partecipazioni a fiere, mostre, esposizioni ed altre manifestazioni di carattere commerciale svolte al di fuori del territorio regionale. Si possono presentare fino a un massimo due manifestazioni, comunque entro i limiti massimali e minimali di spesa.

Spese ammissibili

Sono ammissibili le spese per:

  • a) tassa di iscrizione;
  • b) affitto della superficie espositiva, anche preallestita;
  • c) allestimento della superficie espositiva, ivi compresi il noleggio delle strutture espositive, delle attrezzature ed arredi, la realizzazione degli impianti, il trasporto ed il montaggio/smontaggio.
  • d) bis costi per la partecipazione mediante l’utilizzo delle piattaforme web (una novità molto apprezzata fin dall’edizione scorsa).

Entità e forma dell’agevolazione

L’intensità dell’aiuto è pari al 30% delle spese ammissibili ed è elevata al 40% qualora sussista una delle seguenti condizioni: imprese artigiane appartenenti all’imprenditoria giovanile; imprese artigiane appartenenti all’imprenditoria femminile; imprese artigiane localizzate nelle zone di svantaggio socio economico.

Premiato il rating di legalità

Qualora all’impresa all’impresa sia stato attribuito il rating di legalità dall’autorità Garante della concorrenza e mercato, l’intensità d’aiuto sarà aumentata di ulteriori 5 punti percentuali. La spesa complessiva ammissibile deve rientrare nei seguenti limiti: importo minimo pari a 2mila euro; importo massimo pari a 40mila euro.

Scadenza: 30 novembre 2022.

Per saperne di più CLICCA QUI.

A cura di Simone Finotti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here