Il principio di Pareto in carpenteria

SCHEMA DELL’ANALISI DI PARETO. NELLE COLONNE A E B I DATI ORIGINARI (che si suppongono già ordinati in senso decrescente secondo quanto riportato nella colonna B), NELLE COLONNE C E D I RISULTATI DEI PASSAGGI 2 E 3.

Le situazioni in azienda sovente dipendono da una moltitudine di fattori; spesso è difficile (e a volte anche controproducente) concentrarsi su tutti. Un approccio “minima spesa – massima resa” può essere la strada migliore, ma come essere sicuri di concentrarsi sui giusti focus?

Capita assai spesso che molte cause concorrano a generare un risultato: vari clienti e vari prodotti contribuiscono a generare il fatturato dell’azienda, molti codici compongono il magazzino e così via. La distribuzione, tuttavia, non è quasi mai omogenea e, analizzando la situazione, ci si rende conto che, tra tutte le cause possibili, alcune impattano in misura maggiore. Quindi, per tenere sotto controllo il risultato, spesso è sufficiente concentrarsi sui pochi fattori che hanno il maggiore impatto.

Questo altro non è che il principio di Pareto, la regola empirica che enuncia che il 20% delle cause genera l’80% degli effetti; al di là delle percentuali (che possono essere più o meno rispettate) l’importante è il messaggio insito in tale principio, ovvero: per controllare una situazione spesso non è necessario concentrarsi su tutti gli aspetti che concorrono ma, specie in un contesto lavorativo dove le risorse sono spesso scarse, può essere meglio utilizzare il cosiddetto approccio “quick & dirty” ovvero ottimizzare gli sforzi e concentrarsi sui fattori principali.

Analisi di Pareto: step by step

Pensando alla propria azienda viene naturale immaginare almeno un campo dove il principio di Pareto sia applicabile (una fetta esigua di clienti che genera una quota importante del fatturato o pochi prodotti che generano la maggior parte delle vendite) cerchiamo ora un approccio analitico, da applicare su un semplice foglio di calcolo, per dimostrare tale regola dati alla mano.

Andrea Ruscelli