Sanità italiana: le nuove professioni digitali

sanità

La sanità italiana, da troppo tempo affetta da carenza strutturale di personale, è sempre più digitalizzata e necessita di nuove competenze e professionalità a supporto.

Gli ingegneri biomedici sono tra le figure più difficili da trovare sul mercato del lavoro: del 22,5% è, infatti, la difficoltà di reperimento nel 2021 con una previsione del 60% per il 2030.

Questo è uno dei dati che emerge dell’approfondimento di EY e ManpowerGroup sull’evoluzione delle professioni non mediche nella sanità italiana, pubblica e privata, nell’ambito della seconda edizione dello studio predittivo “Il futuro delle competenze in Italia”, di cui i risultati integrali saranno presentati quest’anno.

Lo studio permette di stimare l’andamento della domanda di lavoro di ogni singola professione fino al 2030, e determinare competenze e abilità che ne definiscono lo sviluppo, generando previsioni sulla loro evoluzione.

La crescita della domanda di lavoro di tutte le professioni, oggetto di indagine evidenziata dall’analisi per il 2030, vede un aumento particolarmente significativo della ricerca di ingegneri biomedici e bio-ingegneri (+9,2%), tecnici di apparati medicali e per la diagnostica medica (+7,5%) e ingegneri in telecomunicazioni (+7%).

L’incremento esponenziale previsto per le professioni digitali, o comunque non strettamente sanitarie, impone riflessioni sulla pianificazione di interventi formativi nel breve e nel lungo periodo periodo delle attività di acquisizione di nuovi talenti e di una costante strategia di reskilling dei profili esistenti, al fine di ridurne i rischi di mismatch e obsolescenza delle competenze.

Questo è fondamentale per portare le persone a ricoprire velocemente i ruoli mancanti e per usufruire degli strumenti tecnologici a supporto delle strutture sanitarie e sviluppare, così, le competenze indispensabili per usare, con la dovuta confidenza, le nuove tecnologie di monitoraggio del paziente, del Fascicolo Sanitario Elettronico, delle tecniche di riabilitazione e della telemedicina.