Fabbriche verdi 101: il progetto di neutralità climatica Net Zero

Fabbriche verdi 101
Fabbriche verdi 101: il progetto di neutralità climatica Net Zero. Come possono le fabbriche diventare più snelle e più verdi?

L’industria manifatturiera sarà in prima linea nel trasformare gli impegni della XXVI Conferenza delle Parti sul cambiamento climatico delle Nazioni Unite (COP26) in realtà. Come il naturalista britannico David Attenborough ha sottolineato durante l’evento, “Una nuova rivoluzione industriale, alimentata da milioni di innovazioni sostenibili, è essenziale ed è di fatto già iniziata”.  Tante aree di uno stabilimento possono essere rese più “green”, quindi da dove dovrebbero iniziare i produttori? Qui, Anders Dellblad, Manager of Sustainable Supply presso Sandvik Coromant, rivela il progetto dell’azienda per una valutazione della fabbrica verde.

Fabbriche verdi 101: il progetto di neutralità climatica Net Zero

Secondo l’organizzazione non governativa (ONG) Energy & Climate, l’industria è responsabile del 23% delle emissioni globali e rappresenta la seconda fonte di emissioni dopo i sistemi di generazione di energia.  Alla Conferenza COP26, un momento decisivo per stimolare la decarbonizzazione industriale, sono state prese diverse decisioni per migliorare la sostenibilità della produzione e raggiungere l’obiettivo di emissioni Net Zero.

Tra le iniziative più importanti ci sono l’istituzione di corridoi marittimi “green”, che creerebbero rotte marittime a zero emissioni tra due porti per ridurre l’impatto ambientale del trasporto e della logistica, e più di 40 nazioni che si sono impegnate ad abbandonare la dipendenza dal carbone nei prossimi due decenni. Cambiamenti come questi avranno senza dubbio un impatto positivo sullo stato di sostenibilità dell’industria. Tuttavia, i produttori devono anche guardare più vicino a casa se vogliono rendere i loro processi più ecologici.

All’interno delle mura della fabbrica

Molte aree di un impianto di produzione possono avere un impatto sulle sue credenziali di sostenibilità. Nel novembre 2021, l’Agenzia Internazionale dell’Energia (AIE) ha riferito che, anche se le emissioni dirette industriali di anidride carbonica (CO2) sono diminuite dell’1,6% a 8,7 gigatoni nel 2020, esse rappresentano ancora il 26% delle emissioni globali. La crescita del consumo di energia nell’ultimo decennio è stata in gran parte guidata dall’aumento dei sottosettori industriali ad alta intensità energetica, come la chimica, il ferro e l’acciaio, l’alluminio, il cemento, la pasta di legno e la carta, tra gli altri, con la lavorazione e lo sviluppo dei materiali che contribuiscono notevolmente all’uso di energia.

Un’altra area di inefficienza che l’industria non può semplicemente ignorare è la quantità di rifiuti che produce. I rifiuti industriali costituiscono la metà di tutti i rifiuti generati a livello globale. La produzione è solo uno dei flussi di rifiuti industriali, ma è il più grande e quello che cresce più velocemente. È facile capire perché l’industria manifatturiera contribuisca così tanto ai rifiuti, non c’è niente di piccolo, costituisce più della metà del Prodotto Mondiale Lordo (PML) di tutti i Paesi ogni anno. Tuttavia, l’industria affronta anche alcuni margini spaventosi. Una stima è che l’industria manifatturiera spreca il 10% del PML ogni anno, per un totale di 8 trilioni di dollari.

Qui non stiamo parlando solo di sprechi di prodotto, come il numero di componenti scartati a causa di un utensile usurato. La sua portata si estende molto di più in ogni area della produzione, dalla Ricerca e Sviluppo ai prodotti difettosi, fino ai macchinari difettosi.

Queste statistiche dipingono un quadro desolante per la produzione. Tuttavia, non significa che tutte le speranze siano perse. Sarebbe ingenuo dire che la produzione, un giorno, genererà zero rifiuti. Ci saranno sempre prodotti difettosi e attrezzature imprecise da qualche parte lungo la linea. Ciò su cui i produttori devono lavorare, tuttavia, è limitare questi incidenti prendendo decisioni più informate sul loro impianto.

Magra e verde

Il termine fabbriche verdi, coniato qualche anno fa, è usato per descrivere un impianto di produzione che è dotato di un design ecologico e di processi di produzione che migliorano l’emissione di gas serra, l’inquinamento ambientale e il consumo di energia. In altre parole, una fabbrica verde è un luogo di lavoro più verde, con processi più verdi, che produce prodotti più verdi.

Qui, “verde” non è una parola vuota. Affinché uno stabilimento sia veramente una fabbrica verde, deve mostrare modi tangibili per promuovere pratiche sostenibili all’interno della fabbrica, della catena di fornitura e nella sua base di clienti. Per esempio, un’azienda che cerca di costruire una fabbrica verde può investire in misure che riducono i tassi di scarto e il tempo di inattività delle macchine ottimizzando il layout dello stabilimento, o può adottare provvedimenti per generare, usare e recuperare il calore in modo più efficiente, come l’installazione di bruciatori ad alta efficienza che recuperano anche il calore residuo. Potrebbe anche voler minimizzare le distanze che i pezzi devono percorrere attraverso la catena di approvvigionamento, come la proposta di corridoi verdi della Conferenza COP26, o convertire i suoi rifiuti in materiale riutilizzabile.

Non c’è una checklist di ciò che rende una fabbrica verde, verde. In realtà, ci sono molti passi sostenibili che un’azienda può fare per rendere le sue operazioni più verdi, che si tratti di un robusto programma di riciclaggio o di un riscaldamento ad alta efficienza energetica. Ma c’è un problema nell’avere così tante strade sostenibili da esplorare. I direttori di stabilimento possono sentirsi di avere l’imbarazzo della scelta e non essere in grado di decidere quali soluzioni sono migliori per la loro fabbrica. Dopotutto, non ci sono due stabilimenti uguali.

L’unico modo per valutare in modo tangibile le prestazioni di sostenibilità di un’azienda è tenere traccia di tutte le sue fabbriche e strutture nel mondo. I produttori hanno bisogno di un contatto e di una fonte affidabile di dati che possa servire come punto di riferimento per sviluppare una strategia verde. In precedenza, un tale strumento non esisteva, fino a quando Sandvik Coromant non lo ha sviluppato.

La sostenibilità in un unico strumento

Lo strumento di valutazione delle fabbriche verdi e delle strutture sostenibili di Sandvik Coromant copre l’intera catena di produzione, dalle emissioni di CO2 e dai rifiuti alla produzione, alle risorse e all’ambiente di lavoro. Lanciato nel 2019, lo strumento è stato inizialmente introdotto in 16 impianti di produzione globali di Sandvik Coromant, con l’ambizione di utilizzarlo in ogni sito in futuro.

La funzionalità dello strumento è suddivisa in sei diverse dimensioni: salute e sicurezza, risorse, ambiente di lavoro, emissioni e rifiuti, sito, edifici e infrastrutture e, infine, produzione. Ogni dimensione è classificata in base alle sue prestazioni attuali e il suo stato è collegato a indicatori prestazionali chiave (KPI) per monitorare il suo miglioramento. Diciamo, per esempio, che un impianto scopre che i suoi processi di produzione sprecano molta acqua; potrebbe quindi voler investire in attrezzature per il trattamento dei rifiuti liquidi che separano l’acqua pura dai rifiuti in modo da poterla riutilizzare. Questo è esattamente ciò che il sito di Sandvik Coromant a Langfang, in Cina, ha fatto nel 2020, recuperando 69 tonnellate di acqua dai rifiuti dell’unità nel processo.

Ma si tratta di molto più di una semplice raccolta di dati. Lo strumento fornisce punti salienti, rischi e altri suggerimenti decisionali che forniscono una visione approfondita delle aree di inefficienza di un impianto. Aree come l’uso dell’acqua e delle acque reflue, il surplus di riscaldamento, l’uso di materie prime, i tempi di funzionamento delle macchine e persino l’abitudine di usare i bicchieri di carta nella sala d’attesa dei dipendenti possono essere tutti tracciati e calcolati per facilitare passi basati sui dati e misurabili verso una produzione più sostenibile.

Fabbriche verdi 101: il ruolo dell’ industria manifatturiera

Se l’industria manifatturiera deve alimentare la nuova rivoluzione industriale, come auspicato da Attenborough, dovrà adottare un approccio olistico alla sostenibilità, combinando azioni dall’officina ai piani alti. «Noi di Sandvik Coromant crediamo che tutti i produttori debbano creare obiettivi informati e basati sui dati per aumentare la sostenibilità delle loro strutture. Ecco perché offriremo il nostro strumento per le fabbriche verdi all’esterno nel 2022, aiutando tutti i produttori a diventare più snelli e più verdi.»

Sandvik Coromant rilascerà ulteriori informazioni sulle sue fabbriche e strutture verdi più avanti nel 2022. Se volete saperne di più sull’approccio di Sandvik Coromant alla sostenibilità, visitate il sito web.