Energie rinnovabili: cresce il fotovoltaico, ma l’eolico è in forte calo

Secondo l’”Osservatorio FER” realizzato da ANIE Rinnovabili, associazione di ANIE Federazione, sulla base dei dati Gaudì di Terna, nei primi tre mesi del 2022 si registra un totale cumulato di 454 MW di nuova potenza installata (+151% rispetto allo stesso periodo del 2021), così suddiviso: 433 MW per fowtovoltaico (+185%), 11 MW per eolico (-52%) e 10 MW per idroelettrico (+53%).

Dal confronto del 1° trimestre del 2022 con gli ultimi tre mesi del 2021 emerge che il fotovoltaico nella prima parte dell’anno ha conseguito un incremento del 52% rispetto al Q4 2021, l’eolico un decremento del 95%, mentre l’idroelettrico una discesa del 16%.

Effetto siccità

Complessivamente, nel primo trimestre del 2022 le FER hanno raggiunto un risultato negativo del -15% a causa del forte calo del settore eolico. Inoltre, analizzando la produzione FER nel periodo gennaio-marzo 2022 emerge che, a causa della siccità che ha colpito l’Italia con conseguente rallentamento dell’idroelettrico, il fabbisogno elettrico nazionale dato dall’energia green rappresenta solamente il 30% del totale (a differenza del 36% del 2021).