Elevati standard qualitativi per le sfere di precisione

Elevati standard qualitativi

Elevati standard qualitativi per le sfere di precisione. È la strategia di RGPBALLS che progetta e realizza una serie di componenti per la movimentazione lineare, costruiti con materiali e design diversi per rispondere alle svariate esigenze applicative

Fondata nel 2015, RGPBALLS S.r.l., porta avanti la leadership di mercato dalla R.G.P. INTERNATIONAL S.r.l. attiva da oltre 50 anni nella produzione dei principali componenti per la movimentazione lineare: sfere di precisione, rulli e rullini. È tra le più importanti aziende nel contesto europeo e leader in Italia. Fiore all’occhiello della società è la progettazione, sviluppo e produzione di sfere portanti: «Le nostre soluzioni rappresentano un’eccellenza del “Made in Italy” e hanno tutte le certificazioni necessarie – ha spiegato l’Ing. Alessandro Riva, titolare di RGPBALLS – Trattandosi di prodotti custom siamo in grado di soddisfare le più ampie necessità della clientela sia italiana che estera, assemblando le SP con la componentistica desiderata, secondo le esigenze tecniche richieste dal cliente».

Ing. Alessandro Riva Co-titolare di RGPBALLS S.r.l.

La società, che ha sede a Cinisello Balsamo, nell’area a nord di Milano, offre in tutta Europa una vasta gamma di soluzioni realizzate con materiali e diametri diversi, contemporaneamente reperibili in un solo sito di approvvigionamento. Da anni l’azienda si pone come obiettivo il raggiungimento di elevati standard qualitativi a prezzi concorrenziali e mette al primo posto l’assistenza al cliente, a partire dalla scelta del corretto articolo per ogni utilizzo, fino alla fornitura delle certificazioni necessarie per ogni applicazione. La sede centrale dell’azienda occupa un’area di circa 10.000 m² e comprende uffici, laboratori di controllo qualità (metallografico e metrologico), reparto selezione e magazzino. RGPBALLS si avvale di 75 persone nella sede principale di Cinisello Balsamo, delle quali 15 si occupano della parte commerciale/amministrativa (il range di lingue parlate include inglese, francese, tedesco, spagnolo, russo, cinese) 10 si dedicano al controllo qualità, mentre il resto del personale è impiegato nei reparti di selezione, logistica e magazzino.

La Società è certificata EN ISO 9001:2015, EN ISO 14001:2015 ISO 45001:2018 processo di produzione e processo di ispezione del prodotto. Oltre ad essere certificata per il product Made in Italy.

Caratteristiche e materiali

Le sfere portanti RGPBALLS S.r.l. sono sistemi multidirezionali per la movimentazione lineare dei carichi.  Sono composte da una sfera di grandi dimensioni (sfera di scorrimento) che ruota su una quantità definita di sfere di piccolo diametro, (sfere di ricircolo) il tutto racchiuso in una sede emisferica (flangia). Grazie alla cura con la quale vengono eseguite le lavorazioni dei vari componenti, l’attrito risulta essere particolarmente contenuto permettendo così che la forza necessaria a movimentare i carichi sia notevolmente ridotta. «La gamma di produzione comprende supporti che possono essere realizzati in diversi tipi di materiali quali acciaio, acciaio inossidabile, lamiera stampata e materiali plastici – ha precisato il manager – Tra le versioni realizzate sono disponibili diverse tipologie di rivestimenti utili a preservare nel tempo la resistenza all’ossidazione.

L’azienda vanta un’ampia gamma di sfere portanti, che rappresentano un’eccellenza Made in Italy, e diverse certificazioni che testimoniano la costante attenzione alla qualità

Anche le sfere impiegate possono essere scelte tra diversi tipi di materiali in funzione dell’applicazione finale». Le sfere portanti RGPBALLS possono essere posizionate con qualsiasi orientamento, ma se diverso da quello convenzionale (con la sfera rivolta verso l’alto), vanno considerate minori prestazioni in termini di portata e scorrevolezza. Alcune versioni destinate ad applicazioni specifiche, sono invece idonee al solo utilizzo convenzionale. «Nelle schede tecniche di ciascuna versione è presente l’indicazione delle portate secondo la posizione di impiego – ha aggiunto l’Ing. Riva – La temperatura di utilizzo è normalmente compresa tra -20 °C a +100 °C (+70 °C in modo continuativo e +100 °C intermittenti). Tali valori non influiscono sul corretto funzionamento delle sfere portanti. Temperature sino a +150/200 °C divengono raggiungibili eliminando la guarnizione interna. Per un uso ad alte temperature è solitamente consigliabile la versione con tutti i componenti in acciaio inox AISI 420C, senza guarnizione in feltro. Va considerato che più è elevata la temperatura di utilizzo e più i fattori di carico diminuiscono. Le sfere portanti nelle versioni con sfere in materiale plastico o completamente realizzate in materiale plastico, sono idonee all’utilizzo a temperatura ambiente». Le soluzioni di RGPBALLS possono essere impiegate nelle più svariate applicazioni, le più comuni comprendono: attrezzature aeroportuali, macchine per la lavorazione della lamiera, presse idrauliche, tavole a sfera, piattaforme ed attrezzature elevatrici, trasporti meccanici, macchine per la lavorazione del marmo e della ceramica, carrelli trasportatori, porta pallets e containers, pareti mobili, cancelli scorrevoli, porte e finestre scorrevoli, attrezzature per robotica, elettronica ed automazione in genere e cavalletti porta automobili.

La gamma di soluzioni

RGPBALLS S.r.l. realizza principalmente diverse tipologie di sfere portanti: con alloggiamento in acciaio tornito da barra e temprato – sono normalmente impiegate in presenza di carichi pesanti, forti sollecitazioni, urti e condizioni gravose in genere. Per portate elevate sono disponibili analoghe versioni studiate appositamente per queste applicazioni. Le versioni con componenti in lamiera stampata sono invece preferibili in applicazioni per carichi di minore entità.

Le soluzioni possono essere utilizzate nelle più svariate applicazioni

Uniscono una buona scorrevolezza a portate adeguate, permettendo un costo finale più contenuto. I modelli con componenti in materiale plastico sono invece preferibili in applicazioni per carichi di minore entità e sono adatti in caso di contatto con acqua salata o sostanze chimiche, magnetiche e non conduttive. «In molte versioni è prevista una guarnizione in feltro che aiuta a mantenere pulita la sfera maggiore quando questa è in rotazione evitando così che le impurità possano venire a contatto delle sfere di ricircolo. Sono presenti uno o più fori di scarico sul fondo per agevolare la fuoriuscita di impurità, liquidi, condensa, ecc. – ha concluso Alessandro Riva – Normalmente vengono fornite pre-lubrificate per favorirne la conservazione qualora non utilizzate. Non richiedono lubrificazioni che vanno eventualmente applicate periodicamente in base all’uso».