L’ombrellone fotovoltaico va in spiaggia

ombrellone fotovoltaico

L’energia prodotta dell’ombrellone fotovoltaico viene utilizzata per fornire refrigerazione e aria nebulizzata a chi si trova all’ombra o nelle immediate vicinanze dell’impianto.

Negli anni la tecnologia fotovoltaica ha dimostrato di poter raggiungere qualsiasi destinazione d’utilizzo.

Dai primi impianti a terra siamo passati a sistemi galleggianti e piccoli impianti portatili, facciate e tetti solari, moduli integrati direttamente nelle carrozzerie auto o nelle ali degli aerei, celle tessute nella stoffa di abiti e tende.

Le applicazioni sono innumerevoli e le ultime evoluzioni tecnologiche stanno offrendo grande spazio di manovra alla fantasia dei progettisti.

Lo dimostra l’ombrellone fotovoltaico di Sammontana, azienda alimentare italiana.

L’applicazione di moduli e celle su ombrelloni da spiaggia non è certo una novità.

La rete è piena di progetti, realizzati e non, di parasole hi-tech, prodotti stand alone per la ricarica dell’elettronica portatile o per l’immissione di energie in rete. E non bisogna neppure lasciare l’Italia per trovarli.

Nel 2019 l’Istituto dei Materiali per l’Elettronica e il Magnetismo – Consiglio nazionale delle ricerche (IMEM-CNR), sviluppò dei sistemi di alimentazione portatili basati sul fotovoltaico integrabili in lettini, ombrelloni e tende da sole.

Mini-moduli, estremamente flessibili e leggeri, opportunamente ingegnerizzati per caricare fino a 6 smartphone contemporaneamente.

Con l’ombrellone fotovoltaico di Sammontana cambia in parte la destinazione dell’energia prodotta.

L’azienda ha realizzato il progetto in collaborazione con lo studio internazionale di design CRA-Carlo Ratti Associati, l’architetto Italo Rota e l’ingegnere Chuck Hoberman, famoso per le sue strutture architettoniche trasformabili.

Un concetto quello della trasformazione riportato anche nell’ombrello solare.

Ogni unità si apre come un origami, ispirandosi alla tecnologia delle vele solari utilizzate sui veicoli spaziali NASA.

L’energia prodotta è utilizzata per fornire refrigerazione e aria nebulizzata per chi si trova all’ombra o nelle immediate vicinanze dell’impianto.

La struttura alimenta anche un mini-frigorifero integrato che permette agli utenti di mantenere freschi cibi e bevande anche durante le ore più calde della giornata.

Possiamo usare il potere dell’abbondante sole estivo per rendere la nostra esperienza di vacanza più sostenibile?

Il concept di questo progetto parte dall’utilizzo del sole per produrre elettricità che raffreddi lo spazio sotto l’ombrellone, per poi scalarlo e fornire energia a qualsiasi località balneare.

Il progetto nasce dalla volontà di Sammontana di proporre un concept a basso impatto ambientale potenzialmente applicabile ai lidi balneari italiani: luogo per eccellenza in cui l’azienda si inserisce con i suoi gelati, accompagnando i momenti più piacevoli e gioiosi dell’estate.

Il progetto mira a portare questa soluzione innovativa su 8000 km di costa italiana, promuovendo un approccio più sostenibile al tempo libero e nuove idee per riutilizzare energia pulita.

I primi dodici prototipi dell’ombrellone fotovoltaico vennero ospitati tra giugno e agosto 2021 al Bam, parco della Biblioteca degli alberi di Milano.