Macchine tessili: ordini in calo sul mercato interno

Nel secondo trimestre 2022 l’indice degli ordini delle macchine tessili, elaborato dall’Ufficio Studi di ACIMIT (Associazione dei Costruttori Italiani di Macchine Tessili), ha segnato una decisa diminuzione rispetto al periodo aprile-giugno 2021 (-30%).

In valore assoluto l’indice si è attestato a 101 punti (base 2015=100). La flessione degli ordini è stata particolarmente accentuata sul mercato interno, dove il confronto rispetto al medesimo periodo 2021 indica un -71%. All’estero il calo è stato più contenuto (-16%). In Italia il valore assoluto dell’indice si è fissato a 107,8 punti, mentre sui mercati esteri il valore è stato di 100,2 punti.

Il peso del conflitto

Alessandro Zucchi, presidente di ACIMIT, ha commenta così l’indagine congiunturale: «I dati del secondo trimestre confermano quanto già osservato nei primi mesi del 2022. Permane un quadro macroeconomico fortemente deteriorato dalla guerra in Ucraina, le cui conseguenze economiche sembrano inasprirsi ogni mese sempre di più. La dinamica inflattiva in essere, con il rialzo dei prezzi di numerose materie prime e di quelle energetiche, rende il quadro previsivo anche nel nostro settore molto incerto».