Normativa di lubrificanti e lubrorefrigeranti

La normativa tecnica internazionale ha stabilito da anni una serie di documenti che stabiliscono le caratteristiche di lubrificanti e lubrorefrigeranti per macchine utensili.

All’inizio degli anni ’70, nell’ambito della Commissione Tecnica Internazionale ISO/TC 39 “Macchine utensili” fu costituito il Gruppo di Lavoro 6 “Lubrificanti per macchine utensili”. Ne assunse presidenza e segreteria la Stanimuc, ente federato UNI, con la collaborazione di Unichim ed il sostegno di alcuni produttori (Agip, Amoco, BP, Castrol, Chevron, Esso, Oliofiat, Fina, Gulf, Mobil, Shell, Texaco, Total), nonché delle società Botti e Dropsa, costruttrici di impianti di lubrificazione, dell’Alfa Romeo e dell’Ucimu.

Gli studi, svolti principalmente negli anni fra il 1970 ed il 1973, diedero luogo alla pubblicazione delle seguenti norme:
ISO/TR 3498 (norma sperimentale) e UNI 7164Lubrificanti per macchine utensili – Classificazione
ISO 5169 e UNI 7178Istruzioni per la lubrificazione
ISO 5170 e UNI 7871Impianti di lubrificazione

Il Rapporto Tecnico ISO/TR 3498 passò successivamente sotto la competenza della Commissione Tecnica ISO/TC 28Prodotti petroliferi”, sebbene fosse stato sviluppato dalla ISO/TC 39, ma il lavoro era comunque stato realizzato. La norma sostanzialmente classificava i lubrificanti secondo i diversi campi di applicazione (ingranaggi, cuscinetti, guide, sistemi idraulici…) con una serie di codici alfanumerici nei quali la parte numerica indica la viscosità.

Tabella di corrispondenza dei lubrificanti

Per diffonderne la conoscenza, e contemporaneamente far comprendere l’utilità della classificazione, fu prodotta, già nel 1973, anticipando la pubblicazione della norma ISO, una tabella di corrispondenza fra le sigle commerciali dei 13 produttori sopra indicati e i codici ISO delle relative applicazioni.

La tabella di corrispondenza fu talmente apprezzata che da allora ne fu pubblicato l’aggiornamento ogni tre anni, con la stampa di alcune migliaia di copie ogni volta. Oggi, con la continua evoluzione che ebbe luogo negli anni, la norma ISO che disciplina i lubrificanti per macchine utensili è la 19378, la cui classificazione è sintetizzata nel Prospetto 1.

Anche la tabella di corrispondenza delle sigle commerciali, della quale la Stanimuc Collaudi Srl continua a curare la revisione periodica (l’ultima edizione è del 2021), ha assunto una forma diversa. Le copie stampate, su cartoncino patinato, sono richieste non solo dai produttori, ma anche dai costruttori di macchine utensili, che le allegano alla documentazione tecnica. Però la tabella è anche disponibile gratuitamente in rete in forma digitale, con ricerca interattiva delle pagine dei singoli produttori. Si trova sia nel sito web www.stanimuc-torino.it, sia nei portali di molte delle società partecipanti. I 31 marchi attualmente presenti nell’edizione 2021 sono raccolti nella Figura 1, a testimonianza dell’utilità che gli stessi produttori trovano nella presenza della loro azienda.