Una seconda vita per batterie, cambi e ruote dentate delle automobili

Condividi

Edicola web

Con il progetto EKODA, i ricercatori del Fraunhofer Institut stanno studiando come recuperare i componenti delle automobili per un’economia sostenibile nel settore della mobilità.

Le auto usate e danneggiate vengono spesso smaltite tramite processi di rottamazione ad alta intensità energetica, anche quando molte delle loro parti sono ancora perfettamente funzionanti. I ricercatori del Fraunhofer Institut hanno lanciato il progetto EKODA che mira a impostare un’economia sostenibile nel settore della mobilità.

In primo luogo, gli scienziati esaminano ogni componente in una complessa procedura di test, quindi usano un sistema di valutazione per generare raccomandazioni su come riusare tali componenti. “Una ruota dentata di un cambio difettoso potrebbe essere riutilizzata in uno scooter elettrico ricondizionato, per citare solo un esempio“, spiega Uwe Frieß per il Fraunhofer Institut. Ma le batterie usate, gli alberi e le ruote dentate potrebbero persino essere impiegati in altre applicazioni al di fuori dell’industria automobilistica.

Attualmente il team sta sviluppando e ottimizzando il sistema di valutazione e sta lavorando a processi per lo smontaggio automatico dei singoli componenti.

Il sistema di valutazione è progettato per essere complesso e olistico – aggiunge sempre per il Fraunhofer Institut, Patrick Alexander Schmidt . Ai criteri ecologici verrà dato lo stesso peso dei fattori tecnologici ed economici, come per esempio le emissioni di CO2 e l’energia consumata durante il riuso. Il sistema terrà conto anche delle fluttuazioni dei prezzi dell’elettricità in modo dinamico, sulla base dei relativi dati giornalieri“.

Le potenzialità di EKODA

Gli scienziati stanno esaminando catene di approvvigionamento, officine di riparazione e demolitori di auto: in futuro, i loro requisiti o richieste di pezzi di ricambio potrebbero essere incorporati nel pool di dati del sistema di valutazione. Esso sarebbe pertanto in grado di dire che il componente specifico in test è necessario a un’officina locale che, per esempio, sta riparando un trattore rotto. In questo modo, l’industria automobilistica e i suoi fornitori potrebbero formare nuove linee di business incentrate sull’organizzazione di modalità sostenibili di utilizzo di tutti i componenti.

https://www.fraunhofer.de/en/press/research-news/2023/january-2023/a-second-chance-for-batteries-gearboxes-and-cog-wheels.html

Articoli correlati

Metalmeccanica: la produzione italiana

Nel terzo trimestre del 2023 l’attività produttiva metalmeccanica in Italia, sostanzialmente ferma nella dinamica congiunturale, risulta ancora in sofferenza rispetto

Manutenzione nell’Industria 5.0

Nel decennio scorso abbiamo conosciuto la quarta rivoluzione industriale, processo orientato alla produzione industriale automatizzata e interconnessa. Successivamente, con l’evoluzione