L’efficacia della pallinatura a cavitazione assistita dal laser

Condividi

Forniamo una panoramica dettagliata del processo di pallinatura a cavitazione con trattamento laser, i suoi vantaggi e i risultati sperimentali disponibili. Infine, confrontiamo il processo di pallinatura a cavitazione con laser con il processo di pallinatura tradizionale.

La pallinatura a cavitazione è un processo di modifica della superficie che migliora le proprietà meccaniche dei materiali metallici. Questo processo coinvolge la formazione di onde di pressione ad alta frequenza che causano cavità o vuoti sulla superficie del materiale. Il collasso di queste cavità produce onde d’urto ad alta pressione che colpiscono la superficie del materiale e la induriscono, deformandola plasticamente e portando alla formazione di tensioni residue di compressione. L’applicazione della tecnologia laser nel processo di pallinatura a cavitazione offre ulteriori benefici, come un controllo preciso sulla zona di trattamento, un’efficienza processuale migliorata e una densità energetica aumentata rispetto ai metodi tradizionali di pallinatura a cavitazione.

Come viene effettuato il processo di pallinatura a cavitazione con laser in pratica?

Il processo di pallinatura a cavitazione con laser viene eseguito in un ambiente controllato, di solito in un serbatoio pieno di un liquido adeguato, come acqua o una soluzione appositamente messa a punto per la pallinatura. Il laser è focalizzato sulla superficie del materiale e l’energia del laser viene assorbita dal liquido, producendo onde di pressione ad alta frequenza che causano la formazione di cavità.

L’energia del laser può essere controllata con precisione, permettendo la formazione di cavità di dimensioni e frequenza specifiche. Mentre l’energia del laser continua ad essere assorbita dal liquido, le cavità crescono fino a raggiungere una dimensione critica, a questo punto collassano, producendo onde d’urto ad alta pressione che colpiscono la superficie del materiale. Questo processo si ripete diverse volte al secondo, con un ciclo ripetuto di formazione e collasso delle cavità. Le tensioni residue di compressione che ne conseguono migliorano le proprietà meccaniche del materiale, come la resistenza alla fatica, la tenacità e la resistenza all’usura.

La pallinatura a cavitazione con laser è stato oggetto di intensa ricerca e sviluppo e numerosi studi sperimentali sono stati eseguiti per investigare gli effetti del processo sulle proprietà meccaniche dei componenti metallici. Questi studi hanno dimostrato che La pallinatura a cavitazione con laser può migliorare significativamente la resistenza alla fatica dei materiali, oltre ad aumentare i livelli di durezza e tensioni residue. Uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Limoges, in Francia, ha rilevato che la pallinatura a cavitazione con laser ha aumentato la vita alla fatica dei componenti in lega di alluminio AA6082 fino al 50%.

Un altro studio effettuato presso l’Istituto di Scienza dei Materiali e Ingegneria dell’Istituto Federale di Tecnologia di Zurigo ha riscontrato che la pallinatura a cavitazione con laser ha portato ad un aumento del 30% nei livelli di durezza e tensioni residue dei componenti in acciaio inossidabile. In aggiunta a questi risultati sperimentali, numerose simulazioni numeriche sono state eseguite per studiare i meccanismi alla base del processo della pallinatura a cavitazione con laser. Queste simulazioni hanno confermato che le onde ultrasoniche ad alta intensità generate dal laser sono in grado di indurre deformazione plastica nella superficie dei componenti metallici, conducendo a miglioramenti delle proprietà meccaniche.

 

Articoli correlati

Il grano abrasivo: amico o nemico?

Una piccola particella, dura, con forma irregolare. Talvolta con spigoli affilati. Chi è? Il grano abrasivo. Il grano abrasivo è