L’era dell’automazione modulare

Condividi

Edicola web

Oriental Motor propone al mercato la nuova Serie BLV-R composta da motori e driver leggeri e compatti che sono ideali per essere applicazioni alimentate a batteria

Oriental Motor lancia sul mercato la nuova serie di motori BLV-R, ideale integrazione della precedente serie BLV e come questa formata da un sistema DC brushless per alimentazione in corrente continua, composto da motoriduttore e da driver di pilotaggio. L’azienda giapponese, nota in tutto il mondo come produttrice di motori elettrici, attuatori lineari e rotativi ad alta precisione e relativi driver utilizzati in numerosi settori applicativi, prosegue quindi nel rinnovamento di una gamma di prodotti che comprende motori passo-passo, servomotori, motori DC brushless, motori asincroni, attuatori e ventilatori.

Silvio Nebbiati, Sales Manager Oriental Motor

Per Silvio Nebbiati – Sales Manager Oriental Motor, «BLV-R è solo l’ultimo esempio dello sforzo migliorativo della nostra azienda nella ricerca e sviluppo, che nell’ottica di alimentare l’evoluzione tecnologica di tutta la gamma, rende la nuova serie perfettamente coerente con il concept di automazione modulare, che ci dà la possibilità di offrire prodotti con un concetto comune di funzionamento non necessariamente collegata alla rete elettrica, ottimi per apparecchiature semoventi. Il punto chiave di questa filosofia risiede nella flessibilità offerta. Si tratta infatti di abbandonare l’idea di linea di produzione fissa e proprio basandoci su questo concetto abbiamo studiato una serie di prodotti leggeri, compatti e appunto flessibili, che in base alla loro configurazione possono svolgere diverse funzioni».

Kit motore + driver con riduttore standard

Motori pratici e compatti

I motori della serie BLV-R sono disponibili in varie versioni: Oriental Motor, infatti, propone riduttori ad assi paralleli, riduttori piatti ad albero cavo, motori ad albero liscio, ovvero senza riduttore e con freno elettromagnetico. I modelli con riduttore ad albero cavo, in particolare, permettono una significativa riduzione dello spazio, garantendo un assemblaggio diretto senza richiedere elementi di collegamento, come i giunti.  «L’evoluzione intrinseca di questa serie – prosegue Nebbiati- ci permette di presentare un prodotto evoluto, sia sotto il punto di vista del design, con una notevole compattezza e riduzione delle dimensioni, sia nella sua gestione. Inoltre, l’ampliamento della gamma con la messa a disposizione di quattro taglie di motore rende la nuova serie particolarmente adatta in tutte le applicazioni che presentano la necessità di alimentare il driver mediante batteria. Un esempio è rappresentato dai veicoli a guida automatica, come i carrelli presenti nelle linee di produzioni industriali o le macchine spazzolatrici ecologiche».

Quattro taglie di motore

Dotata di diverse funzioni, la serie BLV-R è quindi pensata per adattarsi a numerose applicazioni, come la limitazione di coppia, utile a prevenire il blocco del motore per sovraccarico – e la funzione di mantenimento del carico a motore fermo anche senza il freno elettromagnetico. Alle potenze nominali di 200 e 400 Watt, con cui erano precedentemente disponibili i motori della serie BLV, si sono aggiunte rispettivamente quelle da 60 Watt (disponibile anche nella versione con riduttore CS di nuova concezione, con albero centrato) e 100 Watt, offrendo agli utilizzatori ancora più opzioni.  I nuovi motori consentono di trasportare carichi di inerzia maggiori e prodotti più pesanti rispetto alle versioni precedenti, contribuendo alla progettazione di apparecchiature più compatte e di alta potenza. Ad esempio, due motori da 400 Watt con ingranaggi piatti possono muovere un veicolo a guida automatica con 500 kg di carico a una velocità di 0,7 m/s.

Motoriduttore con riduttore flat 90°

Gli azionamenti sono ideali anche per il funzionamento di miscelatori che lavorano liquidi di diversa viscosità a velocità costante, oppure per l’impiego in nastri trasportatori o in applicazioni che necessitano di lavorare a bassa rumorosità.  I motori brushless consentono un avviamento e un arresto fluidi nell’intera gamma di velocità, da 1 a 4.000 giri/min. Ciò permette, ad esempio, a un AGV di evitare altri veicoli o oggetti senza influenzare il carico. Il sistema BLV-R consente anche un posizionamento preciso, per arrestare un AGV in una posizione di arresto definita con precisione millimetrica. I consumi ridotti delle batterie permettono alle apparecchiature di percorrere distanze maggiori e tempi di viaggio più lunghi, con la situazione della carica che può essere monitorata in tempo reale tramite il software di supporto Mexe 02, che permette un completo controllo di dati e flussi di informazioni.

Trasmissione veloce

Anche il driver è molto compatto, con dimensioni di 65 mm x 75 mm x 29 mm e un peso di soli 120 grammi. È compatibile con le interfacce “CANopen” e Modbus RTU, che offrono agli utenti diversi vantaggi: per prima cosa, i dati di posizione di diversi assi possono essere inviati contemporaneamente a un controllore di livello superiore tramite Modbus RTU. In questo modo si riduce notevolmente il ritardo nella trasmissione. «Anche per quanto concerne le dimensioni – prosegue il Sales Manager di Oriental Motor – abbiamo cercato di miniaturizzare il driver, il cui ingombro nella serie BLV-R è stato ridotto dell’80% rispetto alla versione precedente, con indubbi vantaggi anche sotto l’aspetto dei cablaggi: meno fili e un solo cavo di applicazione, che basta a rendere operativa ed efficiente la macchina».

L’era dell’automazione modulare

Proprio sul concetto-cardine dell’automazione modulare, si stanno orientando ormai da tempo le novità proposte da Oriental Motor, come si evince dalle ultime serie di prodotto proposte al mercato. Ne sono esempio i pacchetti composti da motori passo-passo e driver, nelle versioni ad anello chiuso, che rappresentano un importante passo avanti nell’ottica della miniaturizzazione delle componenti, della ridotta necessità di cablaggi e della precisione del controllo. Nel caso delle serie ad anello chiuso, grazie a un encoder meccanico di tipo assoluto integrato multi-giro senza la necessità di sensori esterni, si garantisce la massima precisione della funzione di posizionamento. Le versioni ad anello aperto sono ideali per applicazioni che richiedono frequenti avviamenti e arresti, in cui la bassa rigidità del meccanismo richiede l’assenza di vibrazioni in fase d’arresto grazie a un angolo di passo base più piccolo.

Articoli correlati

I riduttori a gioco zero

Caratteristiche dei riduttori a gioco zero, particolarmente indicati per applicazioni in cui precisione di posizionamento e ripetibilità sono essenziali, come