Losma, progetto europeo per la salubrità degli impianti industriali

Condividi

Losma ha annunciato la conclusione dei lavori di tre anni del progetto di ricerca “Green Factory Life“, finanziato dalla Commissione europea attraverso CINEA – Agenzia Esecutiva Europea per il Clima, le Infrastrutture e l’Ambiente.

In partnership con altre due aziende bergamasche, FAE Tecnology di Gazzaniga e MA-EL di Presezzo, il progetto “Green Factory Life“, di cui Losma è coordinatore, è stato selezionato nel 2019 tra gli oltre 1.700 progetti che hanno bussato alle porte di CINEA.

Obiettivo del lavoro è stato quello di fornire un sistema integrato di sanificazione ambientale in grado, mediante una serie di rilevatori di qualità dell’aria distribuiti lungo tutto l’impianto, di monitorare costantemente i parametri di inquinamento dell’intero sito produttivo.

L’attività di ricerca si è concentrata sull’abbattimento dei livelli di CO2 e sull’eliminazione di spore, muffe, odori, sostanze cancerogene, oltre che di cariche virali e batteri presenti nell’aria durante i diversi cicli di lavorazione. In questo innovativo sistema centralizzato di depurazione dell’aria in fabbrica, la filtrazione meccanica tradizionale, supportata dagli aspiratori della serie Argos di Losma, è integrata con l’innovativa tecnologia dell’ossidazione fotocatalitica (PCO).

Il complesso impianto pilota installato nel 2022, presso MA-EL, realtà specializzata nella realizzazione di stampi e attrezzature per la deformazione a freddo dei metalli, è stato capace di trattare e purificare complessivamente 20.000 m3 di aria.

«Con il sistema “Green Factory Life”, strizziamo l’occhio al futuro – ha commentato Letizia Invernizzi Losma, amministratrice di Losma –. Controllo da remoto, monitoraggio costante della salubrità dell’aria e risparmio energetico: in questi tre pilastri risiede il futuro della filtrazione e purificazione dell’aria negli ambienti industriali. Un vero e proprio sistema innovativo che mira a migliorare la salute del lavoratore e tutelare sempre di più l’ambiente circostante in cui noi tutti viviamo».

Performance e caratteristiche dell’impianto pilota “Green Factory Life

• 2.000 m2 di superficie disStabilimento
• 20.000 m3 di aria purificata
• 600 m di condotte aerauliche
• 35 punti di aspirazione tra fissi e mobili
• 13 punti di re-immissione dell’aria trattata in ambiente di lavoro
• 40% di save energy (dato misurato nella stagione autunno-inverno 2022)

Interfaccia di gestione dell’impianto completamente programmabile anche da remoto. Archiviazione ed elaborazione dati rilevati con focus su:
performance di filtrazione
• confort ambientale
• PMs, VOCS, CO2

Dopo 8 ore di trattamento, l’efficienza di riduzione misurata è:
• 92% polveri totali e nebbie oleose
• 99% sostanze VOCs (sostanze volatili organiche)
• 99,9% batteri e virus (testato anche su SARS-CoV-2)

Il progetto Green Factory Life” ha ricevuto il cofinanziamento dal programma LIFE dell’Unione europea per la protezione dell’ambiente e la riduzione degli effetti del cambiamento climatico, che include tra i tanti obiettivi il miglioramento della qualità dell’aria dentro e fuori dagli ambienti industriali. I risultati dello studio saranno presentati in anteprima in occasione della 26esima edizione di Ecomondo, l’evento internazionale di riferimento in Europa e nel bacino del Mediterraneo per le tecnologie, i servizi e le soluzioni industriali nei settori del green e della circular economy, di scena all’interno del complesso fieristico di Rimini dal 7 all’11 novembre 2023.

Articoli correlati

industria siderurgica

Un’industria siderurgica più sostenibile

Boston Metal, una startup del MIT, ha sviluppato un processo elettrochimico chiamato elettrolisi dell’ossido fuso (MOE) che, nella produzione dell’acciaio,