Le vibrazioni… dalla parte dell’uomo

Condividi

Possono essere contenute, ma non annullate. Se ne parla spesso in relazione alle macchine e alle ripercussioni sui processi produttivi, ma quali sono gli effetti delle vibrazioni sull’uomo? E che legame c’è col rumore?

Moto di un pendolo o terremoto: situazioni apparentemente diverse, ma comunque riconducibili a un
fenomeno oscillatorio. Un fenomeno oscillatorio particolare sono le vibrazioni, talvolta desiderate, ma per lo più fonte di problemi, se sottovalutate o studiate in maniera erronea.

Richiamando concetti di fisica generale, con il termine vibrazione, si intende una oscillazione attorno a una configurazione di equilibrio: è un fenomeno caratterizzato da moti alternati, di ampiezza anche molto piccola ed alta frequenza, spesso sovrapposti al moto cinematico di organi di macchine.

Nel linguaggio comune, ma anche in letteratura, facilmente i termini oscillazione e vibrazione vengono usati indifferentemente, per quanto ciò sia inappropriato: per fare un esempio, si parla di oscillazione, e non di vibrazione, di un pendolo, di corpi vibranti ( e non oscillanti) che generano suoni, vibrazioni di strutture, siano esse edifici, costruzioni, macchine o organi di trasmissione.

All’origine delle vibrazioni ci sono le forze perturbatrici, caratterizzate da una determinata intensità, da una direzione e un verso. Queste sollecitazioni sono sempre presenti nelle macchine generando, nella maggior parte dei casi, effetti indesiderati che vanno tenuti sotto controllo in modo da evitare situazioni degenerative e potenzialmente pericolose.

Oggi sono ampiamente disponibili sia soluzioni che consentono di smorzare le vibrazioni che strumenti di diagnostica, in grado di rilevare l’eventuale raggiungimento della soglia critica, in modo da permettere un tempestivo intervento.

Da notare come spesso rumorosità e vibrazioni siano accomunati: di fatto un sistema che vibra, emette rumore! Proprio per questo fatto, alcuni sistemi di diagnostica si basano sull’intensità del rumore emesso.

I fattori condivisi

Rumore e vibrazioni sono spesso accomunati, spesso partendo dal presupposto che il rumore sia una diretta conseguenza della vibrazione. L’utente finale chiede alla sua macchina silenziosità e assenza di vibrazioni, anche se l’assenza totale di rumore e la mancanza assoluta di vibrazioni sono condizioni ideali, impossibili in situazioni reali. Infatti qualsiasi sistema reale con parti in movimento, è soggetto a vibrazioni che non possono essere eliminate, a causa della natura stessa della loro origine, ma che possono essere controllate in modo da minimizzare il disturbo. Se il rumore non ha effetto alcuno sulla macchina, la vibrazione può provocare problemi anche di notevole entità; rumore e vibrazione, in maniera analoga, possono però avere effetti nocivi sull’uomo, effetti che vanno conosciuti e monitorati, in modo da intervenire opportunamente con precauzioni e/o protezioni.

Scopri tutte le novità per il settore utensili a MECSPE 2024 nel Salone “Macchine e utensili”

Il Salone Macchine e utensili è dedicato alla filiera delle lavorazioni meccaniche ad asportazione di truciolo.

Macchine Utensili | Attrezzature | Utensili | Software di progettazione

Articoli correlati

Comune ma non banale: il caso della foratura

Geometria, materiale, qualità superficiale, precisione, cadenza produttiva… quante attenzioni dietro un “semplice” foro. Fori piccoli. Fori grandi. Fori ciechi. Fori