Recupero di metalli: lo stato dell’arte

Condividi

Edicola web

È stato recentemente presentato lo studio di settore di Assofermet sul recupero e riciclo dei metalli in Italia. Si tratta della prima ricerca in Italia sugli impianti di recupero di rottami metallici e di autodemolizione. Realizzato insieme a Cerved, lo studio ha messo in luce l’importante stato di salute del settore: fra il 2019 e il 2021 per le società di capitali attive si è registrato un aumento del fatturato (oltre il 64%), del margine operativo lordo e del numero complessivo di dipendenti. Il settore italiano del recupero di rottami e autodemolitori è formato complessivamente da 7.457 imprese. Il 65,9% del totale si occupa principalmente di commercio all’ingrosso di rottami, il 20% ha come attività principale il recupero di rottami e cascami metallici e il 14,1% è composto da autodemolitori. Le società di capitali rappresentano il 41% delle imprese analizzate. Stando agli ultimi dati disponibili (2021), il fatturato complessivo delle 2.704 società di capitali attive è pari a 16.926.487.000 euro. Il 72,31% delle imprese ha un fatturato inferiore ai 5 milioni di euro, mentre il 20,3% ha registrato un fatturato compreso fra i 5 e i 25 milioni di euro; superano i 25 milioni di euro i bilanci del 7,39% delle imprese. Le aziende che si occupano di commercio all’ingrosso di rottami sono responsabili di più di 9 miliardi di euro di fatturato, vale a dire oltre la metà del dato complessivo. I bilanci del 2021 indicano una crescita complessiva del 64,5% del fatturato rispetto a due anni prima, quando era di poco più di 10 miliardi di euro (nel 2020 il dato era di circa 9.5 miliardi).

Per quanto riguarda il 2022, i bilanci previsionali e i bilanci depositati indicano un leggero calo rispetto al 2021: 16.8 miliardi di euro, dato ancora maggiore rispetto al 2019. Per il 2023 si prevede invece un bilancio previsionale di 18 miliardi di euro. Il trend del margine operativo lordo (MOL) negli anni analizzati vede un’importante ascesa: da poco meno di 400 milioni di euro nel 2019 a 439 milioni nel 2020, fino ad arrivare a 1 miliardo e 200 milioni di margine nel 2021. Si prevede che i livelli siano stabili nel 2022 e nel 2023.

Per completare il quadro di un settore in ottima salute, anche il numero di dipendenti delle società di capitali attive, assestato a 14.767 nel 2019, è aumentato: 16.349 persone impiegate nel 2021, vale a dire una crescita del 10,7% e una media di poco più di 6 dipendenti per azienda. Un ultimo dato sulle società di capitali attive è relativo alle immobilizzazioni materiali: il valore complessivo è di 1.45 miliardi di euro, detenuti in gran parte dagli impianti di recupero di rottami (40,59%) e dalle imprese che si occupano di commercio all’ingrosso (37,05%).

Nonostante le società di persone e le ditte individuali rappresentino più della metà delle aziende analizzate (4.387, il 59% del totale), la stima del loro fatturato complessivo è fortemente inferiore alle società di capitali: 896.300.000 euro, poco più del 5% di quanto registrato per le società di capitali. Nel 2021, il 69,76% delle società di persone e ditte individuali ha fatturato una cifra compresa fra i 50.000 e i 250.000 euro: il 7,33% delle imprese ha fatturato meno di 50.000 euro, mentre le restanti attività economiche hanno registrato fatturati superiori ai 250.000 euro. Dal punto di vista del personale, la media per il 2021 è di meno di due dipendenti per azienda: con 2.967 dipendenti complessivi, il numero è in aumento di più di 300 unità rispetto al 2019 (2.627).

Un ultimo spunto interessante emerso dalla ricerca è il dato sulle attività che si occupano di commercio di rottami come attività secondaria nell’ambito del proprio business. Il fatturato complessivo di queste imprese nel 2021 è di quasi 7 miliardi di euro. È un dato che include anche le linee di business principali, diverse dal commercio di rottami, che con grande probabilità incidono maggiormente sul bilancio nel suo complesso.

Con questo studio abbiamo voluto dimostrare l’importanza del settore rappresentato – ha dichiarato Laila Matta, presidente di Assofermet Rottami. Le attività di recupero di rottami metallici sono decisive sia in termini di contributo al Pil sia per l’impatto sociale delle imprese del nostro settore, dove sono attivi più di 19 mila dipendenti. Si tratta di aziende che hanno una valenza strategica in alcune delle filiere più importanti per l’economia italiana e internazionale. Basti pensare, ad esempio, che l’80% della produzione nazionale di acciaio avviene proprio a partire dal riciclo dei rottami ferrosi”. Matta ha anche commentato che l’alto numero di aziende presenti in Italia è sintomo della forte presenza capillare delle realtà del settore sull’intero territorio nazionale.

Nota metodologica

Lo studio è stato realizzato da Cerved tramite analisi di dati disponibili pubblicamente sulle società del settore. Sono incluse nell’analisi tutte le imprese a livello nazionale con uno dei seguenti codici Ateco come codice primario: 38.31.10 (Demolizione di carcasse, vale a dire smantellamento di carcasse di ogni tipo tra cui automobili, computer, televisori e altre apparecchiature per il recupero di materiali), 38.32.10 (Recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami e rottami metallici), 46.77.10 (Commercio all’ingrosso di rottami e sotto prodotti della lavorazione industriale metallici). Per le società di persone e le ditte individuali la stima del fatturato è stata effettuata sulla base delle classi di fatturato definite da Cerved in funzione del numero dei dipendenti e settore di appartenenza, utilizzando come dato di riferimento il dato medio di classe. Quando si parla di “commercio di rottami come attività secondaria” si fa riferimento alle attività con codice Ateco secondario 46.77.10 (Commercio all’ingrosso di rottami e sotto prodotti della lavorazione industriale metallici) e con codice Ateco primario diverso da 38.31.10 (Demolizione di carcasse), 38.32.10 (Recupero e preparazione per il riciclaggio di cascami e rottami metallici) o 46.77.10 (Commercio all’ingrosso di rottami e sotto prodotti della lavorazione industriale metallici).

A proposito di Assofermet

Assofermet è l’associazione di categoria che rappresenta a livello nazionale 450 imprese del commercio e della distribuzione in quattro diversi settori: acciai, con aziende attive nel commercio, distribuzione e prelavorazione di prodotti siderurgici; rottami, con impianti che effettuano attività di raccolta, recupero, riciclaggio e commercio di rottami ferrosi; metalli, con le aziende del commercio, distribuzione, prelavorazione e riciclo dei rottami non ferrosi; ferramenta, con imprese del commercio e distribuzione di ferramenta e articoli del fai-da-te. Grazie ad Assofermet le aziende associate possono avere accesso a tutte le più importanti tematiche generali e di dettaglio nel proprio settore di attività,
a livello normativo e di mercato. L’associazione è un punto di incontro fondamentale per aziende, media e stakeholder che si occupano di alcuni dei settori più rilevanti per l’economia italiana.

Articoli correlati

La formazione del truciolo

Nella lavorazioni meccaniche ad asportazione di truciolo si usano vari tipi di utensili: quelli a punta singola, frese, punte a

WSG, maschi per inox Ring Tap

All’interno della famiglia di utensili WSG si annoverano diverse soluzioni per la lavorazione dell’acciaio inossidabile. Per quanto riguarda la filettatura,

Filtrazione esterna e in “equilibrio”

I sistemi con centralina esterna alla macchina utensile garantiscono risultati ideali in termini di filtrazione di liquidi lubrorefrigeranti. A tal

metallo

Stampa 3D rapida con metallo liquido

I ricercatori del MIT hanno sviluppato una tecnica di produzione additiva in grado di stampare rapidamente con metallo liquido, realizzando