Riciclo chimico di pneumatici fuori uso

Condividi

La joint venture costituita a marzo 2023 da Scandinavian Enviro Systems (Enviro), Antin Infrastructure Partners e Michelin realizzerà un nuovo impianto per il riciclo chimico di pneumatici fuori uso (PFU), appena otterrà le autorizzazioni ambientali e i permessi di costruzione.

La tecnologia di riciclo sviluppata da Enviro trasforma la gomma degli pneumatici a fine vita in olio di pirolisi e carbon black riciclato (rCB), riutilizzabili nella produzione di nuove mescole.

L’impianto, il primo su scala industriale con tecnologia Enviro, sorgerà a Uddevalla, in Svezia, con i lavori che inizieranno alla fine di quest’anno e l’avvio del recupero dei PFU previsto nel 2025.

La collaborazione in cifre

L’operazione ha ottenuto finanziamenti in equity e firmato accordi pluriennali per l’approvvigionamento degli pneumatici usati e la vendita di rCB e olio di pirolisi per un valore di circa 180 milioni di euro nell’arco di 5-10 anni. Tra i clienti interessati figurano diversi produttori di pneumatici, gomma e prodotti chimici, tra cui Michelin, Preem, Nokian Tyres e H&R Group.

L’intesa prevede di realizzare strutture in tutta Europa, con una capacità di riciclo annuale di un milione di tonnellate di PFU entro il 2030.

Articoli correlati

Bando SMACT 2024

É attivo il nuovo Bando IRISS del Competence Center SMACT, che offre finanziamenti a fondo perduto fino al 70% per progetti