CNC: potenza e affidabilità al servizio della fresatura

Costruire centri di lavoro per il taglio e la fresatura di particolari di grandi dimensioni ricavati direttamente la lastre, sempre più innovativi e flessibili. Questa è la mission perseguita da Protek, realtà abruzzese che ha trovato nei CNC e nel supporto e affiancamento tecnico di Mitsubishi Electric un indiscusso alleato per vincere le nuove sfide del mercato, in ambito nazionale e internazionale.

Salto di qualità

Titanio e super leghe, alluminio, rame e ottone, ma anche plastiche rinforzate, compositi (carbonio, kevlar e simili) e l’elenco potrebbe ancora continuare. Sono solo alcuni dei materiali lavorabili dagli innovativi sistemi di taglio e fresatura progettati e realizzati da Protek, società con sede a Collecorvino (PE), nata grazie alla lungimiranza imprenditoriale di Giulio Fazzini. Un chiaro esempio di come innovazione, pragmatica, passione per la tecnologia e cura del dettaglio, siano riusciti a confluire in un progetto ad alto valore aggiunto, e che ha trovato positivi riscontri sul mercato italiano ma non solo. A beneficiarne sono svariati settori: dall’esigente aeronautico e aerospaziale all’automotive, dalla meccanica generale al ferroviario e al nautico, per citarne i principali.

Una storia di eccellenza del made in Italy che inizia nel 1994 quando lo stesso Fazzini sviluppa una prima macchina a proprio uso e consumo per poi, un paio d’anni più tardi, avviarne la produzione vera e propria da proporre al mercato. «L’intuizione che guidò questo sviluppo – racconta Fazzininasce direttamente sul campo, da una precedente esperienza dove vedevo quanto imponenti fossero gli impianti disponibili in quei tempi per effettuare il taglio e la lavorazione di lastre di lamiera. Linee di grandi dimensioni, di faticoso, difficile e complesso attrezzaggio, con costi orari altrettanto importanti». Facendo tesoro di quanto appreso anche dai processi di lavorazioni tipiche di un altro materiale, il legno, Fazzini riuscì così a dare vita a un connubio tecnologico che fu in grado di ottenere gli stessi risultati, ma con maggiore semplicità operativa. E soprattutto, con un tempo di attraversamento pari a un terzo di quello necessario con metodi tradizionali, quindi con costi decisamente inferiori. «Processi di taglio e fresatura per i quali prima erano necessari 3-4 ore – ricorda Fazzinicon la macchina da me ideata e sviluppata non richiedevano più di 60 minuti». Più che un nuovo sistema a controllo numerico, Fazzini mise a punto un nuovo concetto di lavorazione. Un innovativo concept che poi fu anche il nome dato al primo impianto, tutt’ora fiore all’occhiello del costruttore.

Ulteriore slancio a questa sfida imprenditoriale fu dato nel 2009 con l’ingresso in azienda della moglie, Maria Teresa Di Bello, con alle spalle una già consolidata esperienza di amministrazione e gestione industriale. Un supporto che ha sin da subito contribuito a dare un cambio di passo, grazie a un’impostazione più manageriale a un’attività, fino a quel momento, per alcuni aspetti più artigianale. Un progetto di sviluppo che nel 2010 si concretizza anche con il trasferimento presso la nuova e attuale sede, con una superficie produttiva che passa da 1.200 a quasi 3.500 mq. Determinante in quell’anno fu anche l’inizio della collaborazione vincente instaurata con Mitsubishi Electric per la fornitura di controlli numerici.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here