Leister, aria calda e infrarossi per l’industria di processo

L’aria calda a livello industriale trova sempre più largo impiego in svariati settori, a partire dall’attivazione di determinate sostanze, fino alle diffuse tecniche di riscaldamento, tempra, fusione, imballaggio con sistemi termoretraibili, saldatura, sterilizzazione e asciugatura. Leister produce da oltre 60 anni una vasta gamma di riscaldatori ad hoc.

I processi in cui può utilmente essere impiegata l’aria calda sono moltissimi, compresi naturalmente trattamenti e finiture: l’aria calda si presta infatti a velocizzare l’asciugatura, senza creare polvere o lasciare residui, così come a facilitare la rimozione di colle e vernici o l’applicazione di pellicole decorative.

I campi di applicazione dei riscaldatori e/o soffiatori di aria calda vanno dalla saldatura delle materie plastiche, spaziando dalle insegne pubblicitarie all’ingegneria civile, alla costruzione di apparecchiature e contenitori di varie forme e fogge, ai pavimenti e alle decorazioni interne.

I riscaldatori Leister

I “cavalli di battagliaLeister per l’industria di processo sono i riscaldatori autonomi Mistral e Hotwind.

Mistral è conosciuto e apprezzato da anni in molti settori per la sua capacità di funzionare in continuo, per l’ingombro ridotto e le necessità di impiantistica elettrica e meccanica a supporto veramente minime. Grazie ai motori brushless ha anche il vantaggio di una maggior durata e delle necessità di manutenzione veramente ridotte al minimo, anche in virtù dell’assenza di carboncini o spazzole destinate ad usurarsi.

Hotwind è il fratello maggiore di Mistral, da cui si differenzia per una capacità più che doppia di generare aria calda: con una potenza dell’elemento riscaldante che arriva fino ai 5400 W nel modello più performante, è il riscaldatore autonomo versatile per eccellenza.

I riscaldatori della gamma LHS, da abbinare a soffianti esterne, sono disponibili in un range di potenza da 550 W fino a 40 KW. Fra i modelli più apprezzati: il modello LE 10000DF-C, unità a doppia flangia progettata per rispondere ai più stringenti requisiti di igiene (standard EHEDG) e quindi ideale per applicazioni in ambito farmaceutico e alimentare, e la variante LHS 61 L, per ambiti alto-performanti.

Fra le soluzioni più versatili per l’industria di processo va sicuramente citato Le Mini, il riscaldatore ad alta precisione che permette di indirizzare con accuratezza millimetrica un getto di aria calda ad una temperatura che può arrivare fino a 750°C. Il tutto con un peso intorno ai 150 grammi: Le Mini è infatti il più piccolo riscaldatore industriale disponibile sul mercato dotato di una sonda di temperatura integrata. Come si può facilmente immaginare, gli habitat di questo piccolo portento sono numerosi e riguardano una grande varietà di settori. Le Mini si alimenta esclusivamente con aria compressa, fino ad un massimo di 2 bar di pressione. Il diametro della bocca di uscita dell’apparecchio è di 15 mm; una vasta gamma di ugelli consente di ridurre il diametro a solamente 5 mm o di concentrare il getto in lame d’aria calda molto ridotte. Il notevole rapporto fra dimensioni e potenza e la precisione nell’erogazione dell’aria calda rendono Le Mini ideale per una vasta gamma di utilizzi in cui è fondamentale circoscrivere il raggio d’azione del riscaldatore, evitando variazioni termiche a parti circostanti sensibili al calore che potrebbero subire danni. Le Mini può risultare utile anche in situazioni dove l’inserimento di un riscaldatore tradizionale sarebbe impossibile per via dell’ingombro troppo elevato: le dimensioni ridotte di questo apparecchio lo rendono facile da inserire nel processo produttivo. La sonda di temperatura integrata permette una termoregolazione estremamente precisa da parte dell’apparecchio; la temperatura può essere controllata con sistemi quali termoregolatori o PLC, il che ne rende molto semplice l’integrazione all’interno di impianti industriali. Le Mini ha necessità di manutenzione praticamente nulle, quindi con un’alta affidabilità, anche in caso di implementazione in industrie con processi in continuo. Nei rari casi in cui sia necessario un intervento di manutenzione, Leister garantisce un servizio di assistenza tecnica efficiente e puntuale, in modo da minimizzare i rischi e i costi del fermo macchina.

Le Mini è il più piccolo riscaldatore industriale disponibile sul mercato dotato di una sonda di temperatura integrata.

Non solo aria calda, con Krelus

Esistono peraltro situazioni in cui i moti convettivi sui quali si basa il riscaldamento ad aria calda possono interferire con il corretto svolgimento del processo: ad esempio, se il materiale si presenta come polvere, lamelle, fogli o altre superfici alterabili dal moto del’aria calda, oppure nel caso di compositi, dove la temperatura da raggiungere è diversa a seconda del materiale preso in esame. In queste situazioni il riscaldamento per irraggiamento si rivela un valido alleato: il calore proveniente dalla sorgente viene trasmesso direttamente all’oggetto da riscaldare senza intermediazione. Le radiazioni possono essere riflesse, attraversare l’oggetto o venirne assorbite, a seconda della lunghezza d’onda; calibrando quest’ultima è possibile ottenere un assorbimento ottimale dell’energia termica da parte dell’oggetto, riscaldandolo in modo efficiente e rapido. È inoltre possibile riscaldare con intensità difforme le singole componenti di un elemento composito, grazie alle differenti caratteristiche di assorbimento delle radiazioni da parte dei diversi materiali.

La gamma Leister si è ampliata grazie all’acquisizione di Krelus, casa svizzera che da oltre 40 anni offre riscaldatori a infrarossi dalle elevate prestazioni. Efficienti, precisi e sicuri, trovano applicazione:
– in impianti per il rivestimento di tessili, film, carta e pellicole;
– negli impianti di pre-essiccazione o riscaldamento dei materiali;
– in impianti per la lavorazione generica dei materiali plastici, come ad esempio stampa, laminazione;
– nelle stampanti offset;
– in tutti i casi in cui è richiesta esposizione ad alta intensità, possibilità di regolazione semplice, tempi di accensione-spegnimento ridotti e soluzioni su misura in abbinamento a un’ottimizzazione economica.

Le esigenze dell’industria non sono tutte uguali: per questo le soluzioni Krelus sono disponibili in una vasta gamma di misure e possono essere costruite su misura, con elementi singoli che possono arrivare a 8 metri di lunghezza. La modularità di questi prodotti consente di controllare con precisione la zona da riscaldare o di ottenere profili di temperatura uniformi nei processi continui.

Nitty-Gritty sceglie componenti Leister per un innovativo impianto industriale

Il successo dell’industria manifatturiera italiana, la seconda in Europa, è dovuto alle molte realtà che con constante impegno e scrupolosa ricerca riescono a raggiungere l’eccellenza nel proprio segmento. È sicuramente il caso di Nitty-Gritty, realtà con sede nel modenese ma con clienti in tutta Italia e all’estero, specializzata nella realizzazione di impianti per la lavorazione dell’acciaio inox. In particolare, le soluzioni Nitty-Gritty favoriscono una perfetta pulizia delle saldature. Le tecnologie impiegate per realizzare i processi di decapaggio e passivazione, lucidatura e neutralizzazione sono allo stato dell’arte e garantiscono risultati impeccabili.

Recentemente Nitty-Gritty ha realizzato per lo stabilimento ungherese di un suo cliente, una multinazionale operante nel campo della produzione di pompe industriali, un impianto automatico per la pulizia delle saldature dove al lavaggio segue l’asciugatura. Questa è fondamentale perché i pezzi sono successivamente sottoposti a sabbiatura; la presenza di umidità in questa fase comprometterebbe la qualità del risultato.

Prodotti puliti.

L’asciugatura è realizzata con un soffiante ad aria calda, tecnologia efficiente e pulita. Per questa applicazione Nitty-Gritty ha scelto di rivolgersi a Leister, casa svizzera, tra i principali player nella produzione di impianti ad aria calda per l’industria di processo. Leister ha saputo comprendere le esigenze del cliente e, dopo alcune prove, ha potuto suggerire il modello ideale per questo impianto: il riscaldatore LHS 61 L.

La gamma di riscaldatori LHS di Leister comprende modelli per tutte le esigenze, disponibili in un range di potenza da 550 sino a 40 KW e abbinabili a soffianti esterne. In particolare, il riscaldatore LHS 61 L è ideale per applicazioni alle quali sono richieste prestazioni elevate. L’ampio diametro della bocchetta di erogazione (ben 92 mm) permette un flusso di aria calda elevato; unito alla potenza riscaldante di 16 kW, questo garantisce un’asciugatura dei pezzi rapida e completa.

Facile da integrare grazie al montaggio dall’alto, dotato di protezioni dal surriscaldamento con allarme, LHS 61 L è regolabile mediante potenziometro o remotabile a PLC tramite un’interfaccia analogica. Il pratico display mostra i valori desiderati ed effettivi dei parametri impiegati (temperatura e flusso dell’aria calda).

Anche grazie al riscaldatore LHS 61 L, il pezzo saldato esce dall’impianto Nitty-Gritty perfettamente pulito, asciutto e pronto per una sabbiatura senza intoppi.

Nitty-Gritty, casa modenese specializzata nella costruzione di impianti per la lavorazione dell’acciaio inox, ha realizzato per un suo cliente un impianto automatico per la pulizia delle saldature. Per la fase di asciugatura ha scelto il riscaldatore LHS61L di Leister.

Con questa installazione Nitty-Gritty si aggiunge alla lunga lista di aziende di successo che hanno adottato unità Leister e che sono rimaste pienamente soddisfatte dal risultato.

di Lisa Borreani

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here