Unimec: R&D e soluzioni web per essere ancora più competitivi dopo la crisi del COVID-19

R&D e soluzioni web per essere ancora più competitivi dopo la crisi del COVID-19

L’emergenza causata dalla crisi sanitaria dovuta al COVID-19 ha letteralmente fermato il mondo.

Come spesso accade, le epoche di crisi sono anche quelle che più danno l’opportunità di mettersi in gioco, ripensare a ciò che si è fatto finora e – perché no – migliorarsi, imparando ad adattarsi a situazioni che ci obbligano ad affrontare sfide particolarmente impegnative.

Anche Unimec – azienda brianzola leader dal 1981 nella produzione di martinetti meccanici, rinvii angolari e fasatori – ha ripreso la produzione a inizio maggio mentre le sue filiali estere (presenti in Spagna, Germania, Francia e USA) stanno seguendo in modo indipendente le direttive statali che regolano le aperture delle aziende nei rispettivi Paesi d’appartenenza.

Le settimane di chiusura forzata sono state per l’azienda un’occasione per potersi concentrare al massimo su alcuni aspetti fondamentali per migliorare il servizio offerto ai propri clienti in vista della riapertura.

In campo di R&D, è stata iniziata la sperimentazione sulla macchina di test per i martinetti meccanici installata a fine anno che, insieme alla macchina di test per i rinvii angolari (già presente nel proprio parco macchine da più di un anno) costituisce la punta di diamante per lo sviluppo tecnico dei prossimi anni.

L’azienda ha pensato anche a come poter “avvicinare” tutti i clienti e collaboratori che nelle prossime settimane e mesi dovranno necessariamente interfacciarsi con Unimec a distanza: infatti, essendo limitati gli spostamenti e le trasferte,  l’area riservata del proprio sito web è stata implementata con nuove funzioni per permettere agli utenti una fruizione ancora più utile in autonomia.

La riapertura della sede centrale (uffici e produzione) di Unimec è avvenuta osservando le più rigide misure di sicurezza: viene realizzata settimanalmente la sanificazione degli ambienti e tutti i dipendenti sono dotati di dispositivi di protezione individuale, con accesso a gel disinfettante per le mani in qualsiasi momento e rispettando le distanze di sicurezza.

Il virus ha rallentato Unimec, senza mai fermarla e proprio in questi giorni sono stati sviluppati diversi progetti di alto valore: da un lato è stata data priorità di consegna e servizio alle attività essenziali durante il periodo di quarantena, supportando le filiere alimentari, packaging, farmaceutiche e del tessuto-non-tessuto per la produzione di mascherine, dall’altro non si è mai smesso di guardare a progetti di lungo periodo, sviluppando applicazioni legate all’ESO, il nuovo ed innovativo telescopio spaziale che osserverà la volta celeste dalle vette delle Ande cilene.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here