Una struttura metallica che non è solo idrorepellente e resistente al ghiaccio, ma è anche in grado di rimuovere le particelle di sporco con semplici gocce d’acqua, senza l’uso di detergenti chimici o abrasivi.

L’hanno creata gli scienziati dell’Università Tecnica di Dresda e il Fraunhofer Institut IWS che da tempo collaborano allo sviluppo di superfici funzionalizzate mediante processi di produzione basati su laser. In questo caso, si sono concentrati sull’alluminio. “Questo materiale è impiegato in molti settori industriali: nel settore automobilistico, nella costruzione di aeromobili o nell’industria alimentare. L’uso di prodotti detergenti chimici detergenti è particolarmente critico nell’industria alimentare, perché essi non devono entrare in contatto con il cibo” sottolinea Stephan Milles, dottorando presso l’università tedesca.

Superficie metallica autopulente: lo studio nel dettaglio

In particolare, gli scienziati hanno studiato la funzione dell’alluminio autopulente strutturato al laser. Usando una fotocamera speciale, hanno analizzato l’effetto autopulente delle superfici in alluminio e hanno filmato il processo a 12.500 fotogrammi al secondo. Thomas Kuntze, scienziato nel campo della tecnologia delle microtecnologie presso Fraunhofer IWS, spiega: “In questo modo possiamo vedere perfettamente come una goccia d’acqua può rimuovere lo sporco dalla superficie di alluminio. Questo metodo può essere usato anche per comprendere altri processi, come il taglio laser e la saldatura o la produzione additiva“.

Collaborando a stretto contatto con il Fraunhofer IWS, il Center for Advanced Micro Photonics (CAMP) dell’ateneo sta lavorando a numerosi progetti che hanno l’obiettivo di produrre strutture di precisione di grandi superfici su metalli, ceramiche o polimeri. In questi progetti, gli scienziati stanno sfruttando una tecnologia nota come “Direct Laser Interference Patterning”, che offre proprietà straordinarie rispetto ai classici processi laser.

Leggi l’articolo originale

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here