V-GELM: l’orto hi-tech lunare per micro-verdure spaziali

Ha preso in queste settimane il via il progetto V-GELM (Virtual Greenhouse Experimental Lunar Module) per lo sviluppo di un orto hi-tech lunare capace di abbinare tecniche di coltivazione idroponica ed esperimenti virtuali.

L’iniziativa, realizzata da ENEA, in collaborazione con CITERA, Università Sapienza Università di Roma e l’Università della Tuscia, vuole essere da supporto alla vita degli astronauti ed è stato riconosciuto tra i migliori nell’ambito di IGLUNA 2020.

L’orto hi-tech non solo servirà a coltivare micro-verdure sulla Luna, ma anche in ambienti estremi come quelli polari. Infatti, il modulo di coltivazione è una speciale serra igloo pensata per resistere a temperature molto basse.

Potenzialità

V-GELM si articolerà in due fasi: la prima riguarderà la progettazione degli spazi attraverso tecniche immersive di realtà virtuale; la seconda, invece, vedrà entrare in azione Hort3, l’innovativo orto targato ENEA in cui verrà sperimentata la coltivazione idroponica di due varietà di rapanello.

Il modulo di coltivazione, sviluppato nell’ambito del progetto Hortspace finanziato dall’Agenzia Spaziale Italiana (ASI), consiste in un sistema idroponico multilivello a ciclo chiuso di 1m3 con illuminazione LED, in cui vengono coltivate micro-verdure selezionate per raggiungere la maturazione in 10-15 giorni. Si tratta di una soluzione senza l’utilizzo di pesticidi e di agrofarmaci, in grado di garantire ai membri dell’equipaggio cibo fresco di alta qualità e un corretto apporto nutrizionale.

Gli esperimenti virtuali di V-GELM potranno aiutare a raggiungere una prospettiva interattiva realistica, adatta a simulare gli ambienti, le operazioni da compiere, nonchè a svolgere analisi ergonomiche. In questo modo sarà altresì possibile identificare materiali, trattamenti e finiture superficiali ad hoc e individuare eventuali criticità. A tutto vantaggio della riduzione dei costi di produzione dei moduli spaziali e dei tempi di addestramento degli astronauti.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here