Mondial apre una sede a Daegu

Alessandro Bandelli, membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Mondial

Mondial apre una sede a Daegu, Corea, punto nevralgico per l’industria manifatturiera coreana e per tutta l’area del Pacifico

Il Gruppo Mondial supera il traguardo del 75° anniversario e continua ad allargare i suoi orizzonti. Dopo l’acquisizione delle start-up SmartFactory e Tecnomotion – riferimento per le soluzioni meccatroniche –  il Gruppo si rivolge al mercato del Far East, con l’apertura della sede asiatica, a Daegu.

Mondial Group Asia nasce da una volontà chiara di sviluppare ulteriormente il prodotto Unitec al di fuori del mercato italiano – afferma Alessandro Bandelli, membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Mondial – Già oggi siamo presenti in molti mercati di rilievo a livello europeo e in qualche mercato extraeuropeo. Abbiamo deciso di dare un’ulteriore spinta alla possibilità di penetrare questi mercati extra continentali e ci è sembrato abbastanza naturale puntare sul Far East. L’ubicazione dell’azienda in Corea, presidia un mercato per noi molto importante a livello di macchine utensili. In ogni caso a livello industriale la Corea del Sud è una delle realtà più strategiche e avanzate a livello mondiale.

Mondial decide così di rafforzare la sua presenza globale aprendo una filiale diretta per cogliere le opportunità che il mercato asiatico offre: Daegu rappresenta uno snodo principale non solo per il continente asiatico ma anche per tutta l’area del Pacifico.

Stefano Bandelli, membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Mondial

La sede di Mondial Group Asia – gestita dal Managing Director Jason Kim – a Daegu è situata in una posizione logisticamente strategica perché si trova lungo una direttrice nord-sud. Daegu è la città è il cuore dell’industria manifatturiera, dove si sviluppano le più importanti aziende coreane, sia del settore macchine utensili che per l’industria metallurgica e tessile, oltre ad essere un importante centro finanziario” afferma Stefano Bandelli, membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo Mondial.

Daegu è infatti il principale polo economico dell’industria manifatturiera e metalmeccanica coreana, focalizzato sui settori metallurgico, petrolchimico, tessile, dei macchinari industriali, della robotica, dell’hi-tech e delle telecomunicazioni, ma anche per i settori navale e dell’automotive. Sede storica della Samsung, Daegu è un importante crocevia logistico e strategico per la sua modernissima rete infrastrutturale e digitale.

“Abbiamo deciso di mettere una bandierina Mondial in Corea, che simbolicamente rappresenta un punto di partenza per svilupparci in tutto il Far East”, sottolinea Alessandro Bandelli – “In una prima fase l’azienda si concentrerà sulla spinta del prodotto Unitec, abbiamo però già in mente un piano di ulteriore sviluppo attraverso la vendita di altri prodotti Made In Italy che proporremo a breve a tutto il mercato asiatico”.

A livello industriale la Corea del Sud è tra le nazioni leader, soprattutto per i settori tecnologicamente più avanzati. Dotata di un sistema infrastrutturale integrato di eccellenza, moderno e capillare, rappresenta il terzo partner commerciale per i paesi della UE. Il Gruppo Mondial stabilisce una importante sede operativa e commerciale per operare a stretto contatto con i clienti garantendo loro una efficace assistenza in loco.

Jason Kim, Managing Director di Mondial Group Asia

Certamente l’identità e l’attitudine che hanno reso Mondial leader nel suo settore, ci spingono naturalmente a intraprendere nuove rotte e a dialogare sempre più con un mercato globale – conclude Stefano Bandellisiamo presenti in Italia, in Germania e anche in paesi extraeuropei.

L’Asia è un mercato enorme, il mercato coreano in particolare riveste un interesse decisivo. Se  vogliamo penetrare quei mercati è senza dubbio imprescindibile avere una presenza fisica sul territorio. Bisogna essere presenti con rappresentanti commerciali locali perfettamente inseriti, con una forza logistica, con un customer service strutturato ed efficiente. La Corea rappresenta per noi un punto di partenza. Questo è ciò su cui stiamo lavorando”.