Regione Sardegna, “Fondo competitività” a lunga scadenza

sardegna

Il bando “Competitività imprese Sardegna” ha come fine l’erogazione di un prestito destinato a realizzare progetti di sviluppo, che non siano materialmente completati o realizzati alla data di presentazione della domanda o, nel caso di operazioni cofinanziate con risorse europee, alla data di emissione del provvedimento di autorizzazione all’intervento del Fondo.

Beneficiari

Possono beneficiare dell’intervento del Fondo Competitività le imprese che intendono realizzare un Progetto di Sviluppo nell’ambito di una unità produttiva ubicata in Sardegna, che rispettino alla data di presentazione della domanda, le condizioni di ammissibilità specificate nelle disposizioni attuative del bando.

Creazioni o acquisizioni

I progetti di sviluppo devono avere ad oggetto: creazione di una nuova azienda; creazione di una nuova unità produttiva; ampliamento della capacità di un’unità produttiva esistente; diversificazione di un’unità produttiva esistente; ristrutturazione di un’unità produttiva esistente; realizzazione di nuovi investimenti materiali; acquisizione di un’unità produttiva esistente che sarebbe stata chiusa in assenza dell’acquisizione. Il progetto di investimento può riguardare anche l’acquisizione delle quote dell’impresa.

Reindustrializzazione

Ammessa anche la realizzazione di interventi di reindustrializzazione aventi ad oggetto il riutilizzo di immobili: in disuso, e/o dismessi, e/o in corso di dismissione da oltre due anni alla data di presentazione della domanda, per avvenuta cessazione dell’attività di impresa; di proprietà di società sottoposta a procedura concorsuale o che sia stata posta in liquidazione o che sia oggetto di procedura esecutiva immobiliare; la realizzazione di interventi di riattivazione, per lo svolgimento di un’attività uguale o funzionalmente analoga/complementare a quella svolta precedentemente, di un’azienda o ramo d’azienda del quale sia stato accertato un permanente stato di inattività per almeno un anno precedente alla data della domanda.

Leasing

I prestiti sono riconducibili alle forme tecniche del leasing finanziario immobiliare o sale and lease-back finanziario immobiliare, del leasing finanziario d’azienda o del mutuo ipotecario. È valido anche per macchinari e impianti.

L’agevolazione

I prestiti sono erogati a condizione di mercato ed il tasso di interesse è determinato sulla base della metodologia indicata nella Comunicazione della Commissione Europea sulla revisione del metodo di fissazione dei tassi di riferimento e di attualizzazione. Il finanziamento deve essere minimo di euro 100.000 e massimo di euro 10.000.000.

Scadenza: 31 dicembre 2023.

Per saperne di più clicca QUI.

A cura di Simone Finotti