Evitare l’inquinamento microbiologico nei lubrificanti, senza rinunciare alle performance

Condividi

biostabilità

Il lubrorefrigerante ha diverse funzioni, ad esempio, ha il compito di facilitare l’evacuazione del truciolo e di proteggere dall’ossidazione i pezzi lavorati e la macchina utensile stessa. Inoltre, non deve creare morchie e residui in lavorazione, garantendo una capacità pulente e detergente all’interno della macchina. Fondamentale è che non crei schiume, problema annoso e destabilizzante per molte lavorazioni. Ma uno degli aspetti, sempre più spesso discriminanti, nella scelta di un buon lubrorefrigerante è la sua biostabilità, ovvero la stabilità alla proliferazione microbiologica.

Come mantenere la biostabilità nei lubrorefrigeranti

«Quante volte ci è capitato di entrare in un’officina meccanica e sentire degli odori sgradevoli? Quante volte gli operatori delle macchine utensili dicono che l’emulsione puzza o fa odore? Per chi vende lubrorefrigeranti, o per chi li usa, direi che è una frase abbastanza comune. – spiega Valentino Foiadelli, direttore tecnico-commerciale di Bellini SpA – I lubrorefrigeranti sono miscele di componenti chimici e lubrificanti diluiti in acqua, ad una concentrazione ben definita. L’acqua è a tutti gli effetti la parte più importante del fluido e, come tutti sanno, che dove c’è acqua c’è vita. Quindi, in un’emulsione oleosa è abbastanza normale avere a che fare con degli inquinanti microbiologici». La resistenza agli inquinamenti viene generalmente chiamata biostabilità, cioè la capacità del fluido di resistere agli agenti biologici. Un’emulsione fortemente inquinata è un’emulsione che può causare seri problemi, ed il primo campanello d’allarme è proprio l’odore.

Un’emulsione che presenta un inquinamento microbiologico, oltre che generare cattivi odori, provoca una serie di effetti collaterali:

  • Perdita di PH del fluido
  • Scarsa protezione dalla ruggine
  • Perdita di detergenza
  • Dermatiti cutanee

Come garantire massima tollerabilità ed elevate performance, tutto questo senza battericidi? La risposta nel nostro articolo.

Articoli correlati

Comune ma non banale: il caso della foratura

Geometria, materiale, qualità superficiale, precisione, cadenza produttiva… quante attenzioni dietro un “semplice” foro. Fori piccoli. Fori grandi. Fori ciechi. Fori

WSG, maschi per inox Ring Tap

All’interno della famiglia di utensili WSG si annoverano diverse soluzioni per la lavorazione dell’acciaio inossidabile. Per quanto riguarda la filettatura,

Filtrazione esterna e in “equilibrio”

I sistemi con centralina esterna alla macchina utensile garantiscono risultati ideali in termini di filtrazione di liquidi lubrorefrigeranti. A tal