Fresatura: al via il primo corso Polimill

Condividi

Il 28, 29 e 30 giugno 2023, al Politecnico di Milano, PoliMill aprirà le porte al primo corso dedicato alle aziende che si occupano di fresatura e vogliono “provare sul campo” un flusso di lavoro moderno e digitale.

I tre giorni di corso si rivolgono quindi al personale e ai responsabili dell’ufficio tecnico delle aziende manifatturiere che avranno l’opportunità di lavorare su un pezzo benchmark, caratterizzato da tasche con vari raggi di raccordo interni, seguendo un flusso che vada dalla progettazione all’implementazione di un opportuno ciclo di fresatura.

“Abbiamo pensato e messo a punto questo corso in modo da permettere al personale di PMI, ma anche di grandi aziende operanti nel settore della fresatura, di provare sul campo software come ToolGuide (Sandvik Coromant), Siemens NX (ATS Italy (Team3D), CGTech Vericut e MetMax (Bruker Alicona) nella stessa sede e in un tempo ridotto. – spiega Massimiliano Annoni, Professore associato di Tecnologie e sistemi di lavorazione e Coordinatore scientifico di PoliMill – Altri partner, come BIG KAISER, R.F. Celada, Ronchi-ILS e Vection Technologies, porteranno il loro contributo al flusso di lavoro, completando la panoramica di ciò che crediamo sia fondamentale per le aziende di fresatura per mantenere e aumentare la loro competitività.”

Scansionare il QR Code per accedere alla pagina Eventi del sito Polimill

Dato che si tratta di una “attività sul campo”, con strumenti forniti da PoliMill e dai suoi partner, i posti sono necessariamente limitati a 30 e la preiscrizione è necessaria.

Info e programma dettagliato del corso, con link per la preiscrizione sono online nella pagina Eventi del sito PoliMill.

Articoli correlati

Fresatura: al via il nuovo corso PoliMill

Scopri come usare al meglio gli strumenti digitali per progettare il ciclo di fresatura grazie al corso PoliMill Digital Machining, che si svolgerà

culle vuote e tecnici di domani

Culle vuote e tecnici di domani

L’“inverno demografico” si è consolidato anno dopo anno con impatti diretti sulle aziende, l’economia e la futura competitività del nostro