Scalabile e integrabile

Condividi

scalabile e integrabile

Innovazione, R&D e capacità produttiva consentono a Delta Electronics di ricoprire una posizione sempre più di rilievo anche nel panorama italiano, con prodotti e servizi di automazione scalabili e integrabili

In un contesto di mercato sempre più dinamico e complesso, Delta Electronics, fornitore di soluzioni per l’automazione industriale, continua a consolidare un ruolo sempre più da protagonista anche sul territorio italiano, fornendo prodotti di elevata qualità, affidabilità, oltre che servizi ad alto valore aggiunto. Per fare il punto sulle strategie, sulle nuove opportunità e sulla vision di crescita dell’azienda, abbiamo incontrato in occasione della scorsa SPS Italia 2023 Luca Cavagnari, responsabile vendite di IABG, Industrial Automation Business Group di Delta per l’Italia.

scalabile e integrabile
Luca Cavagnari, responsabile vendite di IABG, Industrial Automation Business Group di Delta per l’Italia

«Da diverso tempo – afferma Cavagnari – Delta sta focalizzando la propria attenzione oltre che sulla parte di prodotto, che rappresenta ancora oggi l’anima portante del nostro business, anche sulla loro combinazione, resa possibile dalla presenza della parte software, che diventa esso stesso parte di soluzione. Rendiamo per esempio disponibili soluzioni robotiche in cui, a differenza di altre di altre proposte di mercato, vengono fornite con un sistema di programmazione Codesys. Quindi un sistema aperto, ben conosciuto e consolidato, con cui vogliamo proporre i nostri prodotti come contorno di una “bundle solution”. Non una soluzione completa bensì una soluzione altamente scalabile e altrettanto integrabile a seconda delle specifiche necessità».

In altre parole, l’obiettivo perseguito dall’azienda è quello di passare da una vendita di prodotto puro, che comunque ancora oggi fa parte del proprio Dna, grazie alle capacità produttive, a una proposta più di soluzione, coadiuvata dalla parte software.

«Software sia di supervisione – precisa Cavagnari – come il nostro pacchetto di ingegneria integrata DIAStudio Smart Machine Suite, progettato per semplificare e ridurre il tempo necessario per il processo di setup nei macchinari, sia a livello di automazione quindi il già citato Codesys».

Dal cloud alla robotica, all’integrazione di sistemi

Centrale nella proposta di prodotto Delta Electronics è anche l’IIoT, per la quale l’azienda promuove da tempo una performante piattaforma Cloud nella quale possono convergere i Big Data di molti propri prodotti.

«Si tratta della piattaforma DiaCloud – afferma Cavagnari – fornita gratuitamente come strumento di controllo e di gestione da remoto per una sempre più ampia proposta delle nostre soluzioni. Per quanto concerne la già menzionata robotica, ambito che già ci vede presenti con la vendita di motori, azionamenti, inverter, anche PLC, l’obiettivo è quello di strutturare un approccio di contatto ancora più legato alla competenza tecnologica. Ciò è possibile grazie al crescente numero di system integrator nostri partner fidelizzati, che dimostrano di apprezzare il supporto nella realizzazione di molteplici applicazioni».

Famiglia di inverter serie M300 della Delta Electronics

Dopo la contrazione, occhi puntati sulla ripresa

Un orientamento ben preciso dunque quello definito dall’azienda, che anche sul territorio nazionale accresce costantemente la raccolta di positivi riscontri di mercato.

«Anche negli ultimi due anni – chiarisce Cavagnari – abbiamo registrato una crescita importante, grazie a due fattori principali. Prima di tutto abbiamo intercettato opportunità laddove vi era una certa scarsità di disponibilità di prodotti, sfruttando la forza dei nostri siti di produzione di proprietà in Cina. Un vantaggio competitivo che si è tradotto in una supply chain privilegiata, non senza un aggravio di costi che siamo tuttavia riusciti a contenere al minimo».

Rispetto al futuro, la posizione espressa dal manager si rivela molto cauta, a fronte anche di un presente che mostra ancora tutte le sue complessità.

Delta Electronics rende disponibile anche un’ampia scelta di soluzioni robotiche

«Il 2023 – rileva Cavagnari – ha subito una contrazione fisiologica nel primo 4º dell’anno. Tra le ragioni che ci riguardano più da vicino segnalerei una domanda leggermente ridotta del mercato, rispetto alla disponibilità di magazzino dei nostri distributori, molti dei quali hanno deciso di aumentare lo scorso anno i volumi dei loro ordinativi, proprio per non rischiare di incorrere nelle difficoltà già passate di approvvigionamento. Ciò comporta inevitabilmente una dilatazione di quelli che sono i tempi di smaltimento e rimpiazzamento dei codici. A influire negativamente e a rendere il tutto più difficile si aggiungono poi inflazione e aumento del costo del denaro. Senza dimenticare le tensioni internazionali tra Ucraina e Russia che di certo non aiutano. Riteniamo comunque che l’ultima parte dell’anno possa offrire una leggera ripresa, auspicando di riuscire a chiudere ancora in crescita».

R&D e investimenti guidano la crescita

Innovazione tecnologica, portfolio prodotti in costante ampliamento e fiducia sul mercato permettono a Delta Electronics di confermare un certo ottimismo per il futuro. Un sentiment positivo alla cui base risiede la consapevolezza di alcuni elementi differenzianti.

«Uno di questi abbiamo è sicuramente quello – sottolinea Cavagnari – di detenere al nostro interno un reparto di R&D, posizionato sia a Taiwan sia in Europa, che ci permette di studiare nuovi prodotti senza dover ricorrere a terze parti di supporto».

A tal proposito, ogni anno l’azienda investe una buona parte dell’utile operativo lordo in quelle che sono tutte le attività di ricerca, prototipazione e sviluppo di nuove soluzioni, mantenendo al proprio interno tutto il know-how.

«Altro elemento determinante – continua Cavagnari – è la struttura, snella e dinamica che assicura anche un rapporto molto diretto con i clienti. In tal modo possiamo intercettare al meglio anche tutti quei bisogni per esempio dei medi e piccoli costruttori di macchine».

Parimenti significativo è il livello di crescita della stessa azienda, che sta investendo in nuove risorse ed espandendo il proprio organico.

«Ogni anno assumiamo o incrementiamo il nostro organico in Italia del 20% – conclude Cavagnari – una delle key country per l’EMEA, il secondo paese a livello di fatturato per tutta l’EMEA e uno dei paesi principali per la Delta EMEA in cui il Gruppo vuole investire. Certamente una crescita sostenibile. Ma non solo, in quanto si tratta anche di una crescita orientata alle necessità del mercato».

(di Gianandrea Mazzola)

Articoli correlati

VIDEO | Lamiera Training Day 2024

200 operatori coinvolti, 21 sponsor a supporto, 3 tavole rotonde incentrate su temi verticali e 20 speaker d’eccezione che hanno

Bando SMACT 2024

É attivo il nuovo Bando IRISS del Competence Center SMACT, che offre finanziamenti a fondo perduto fino al 70% per progetti