MICROingranaggi integra il calettatore a tutta la sua gamma di riduttori con flange NEMA

Condividi

MICROingranaggi integra il calettatore a tutta la sua gamma

È di questi primi mesi dell’anno la notizia che MICROingranaggi, azienda leader nella progettazione e realizzazione di microcomponentistica meccanica ed elettromeccanica di precisione, ha integrato il calettatore, un dispositivo impiegato per unire e fissare due componenti cilindrici (albero e foro), a tutta la sua gamma di riduttori con flange NEMA.

L’impiego di questo sistema rappresenta una soluzione molto interessante per l’assemblaggio dei riduttori ai relativi motori elettrici, permettendo così all’azienda di mettere a disposizione del mercato una soluzione estremamente flessibile.

Trattandosi di un’operazione che richiede competenze tecniche specializzate, l’acquisto di un riduttore senza calettatore vincolava gli utenti ad affidarsi ai servizi di assemblaggio di MICROingranaggi, con conseguenti spese aggiuntive e tempi di attesa. L’implementazione del calettatore ai riduttori ha semplificato tutti questi passaggi, dando ai clienti la possibilità di effettuare l’assemblaggio autonomamente, semplicemente stringendo alcune viti e senza dover ricorrere all’utilizzo della colla, di attrezzature dedicate o dover apportare modifiche all’albero.

«Attualmente il calettatore integrato ai nostri riduttori è compatibile soltanto con i motori passo-passo dotati di flange quadre standardizzate NEMA», ha spiegato Luca Uberti, Head of Sales di MICROingranaggi, «ma non escludiamo – in futuro – di esplorare l’adattabilità del sistema anche ai motori brushless con flange quadre, ampliando così le possibilità di applicazione».

L’implementazione del calettatore ai riduttori con flange NEMA offre ai clienti la possibilità di effettuare l’assemblaggio autonomamente

Oltre agli aspetti prettamente tecnici, questo upgrade rappresenta anche un ulteriore passo avanti in materia di sostenibilità, tema molto caro a MICROingranaggi. Offrendo ai clienti un sistema completo che permette l’integrazione del motore in piena autonomia, si riduce infatti la necessità di trasporto del pezzo per ulteriori lavorazioni, diminuendo, in questo modo, l’impatto ambientale legato ai trasporti.

Questo approccio offre inoltre il duplice vantaggio di una riduzione sia dei costi che dei tempi di esecuzione delle commesse, grazie alla possibilità per i distributori di tenere a magazzino una selezione dei riduttori maggiormente utilizzati e soddisfare le richieste dei clienti in tempi brevissimi. Inoltre, in caso di guasti o usura del motore elettrico, i clienti hanno la flessibilità di effettuare la sostituzione in autonomia e direttamente sull’applicazione.

«La scelta di fornire un prodotto completo che non necessiti di interventi aggiuntivi», ha concluso Marco Garavaglia, Head of marketing di MICROingranaggi, «si inserisce perfettamente in una strategia commerciale più ampia che MICROingranaggi sta abbracciando ormai da tempo, mirata ad attrarre mercati internazionali grazie alla possibilità di offrire loro soluzioni standard complete e facilmente integrabili».

CONSULTA IL NOSTRO CATALOGO PRODOTTI

Articoli correlati