LED in azienda: e luce fu

Anche per le imprese della meccanica e della manifattura in genere la scelta di installare un sistema di illuminazione basato su luci a LED (Light emitting diode, diodi a emissione luminosa) può rivelarsi molto efficace e vantaggiosa per varie ragioni.

Ciclo di vita e flusso luminoso

Innanzitutto, il ciclo di vita delle lampadine a LED – pari a circa 50-80 mila ore di funzionamento – è ampiamente superiore a quello delle lampade a incandescenza o fluorescenti. La durata delle prime è infatti stimata in 750 ore; quella delle seconde in 7.500 ore complessive. Rispetto alle lampadine tradizionali richiedono un quantitativo di energia significativamente più basso pur garantendo un flusso luminoso quintuplo, che viene conservato almeno per l’80% anche dopo 50 mila ore di utilizzo. La bassa potenza di funzionamento le rende inoltre adatte all’alimentazione da fonti rinnovabili – eolico e fotovoltaico – assicurando così alle aziende sia un importante risparmio economico sia una maggiore sostenibilità.

Resistenti, sicure ed ecologiche. I diodi che caratterizzano le luci LED si presentano incapsulati in materiale plastico trasparente e questo fa sì che a paragone dei modelli in vetro esse siano di gran lunga più resistenti agli urti e al calore, a sollecitazioni di diverso tipo. A proposito di calore, poi, hanno il pregio di restare fredde anche dopo un uso prolungato e si prestano perciò a restare a contatto anche con materiali quali il legno o le plastiche, che come è noto sono fortemente sensibili al caldo. Hanno dimensioni compatte e questo ne agevola l’integrazione con superfici di diverso tipo – pavimenti e soffitti – e negli ambienti più disparati, a cominciare appunto dai vari reparti di uno stabilimento produttivo. Vantano un tempo di accensione pari a zero (mentre le lampade fluorescenti si accendono in modo graduale) ed emettono luce in maniera costante, senza intermittenze.

L’anima sostenibile è dimostrata non solo dal ridotto fabbisogno energetico ma anche dal fatto che sono del tutto prive di gas nocivi o materiali inquinanti: mercurio, piombo o altri metalli pesanti. Non emettono raggi ultravioletti (UV) o radiazioni infrarosse dannose alla vista; né generano inquinamento luminoso. Anche per questo rappresentano una soluzione ottimale per la sicurezza e il comfort dei lavoratori.

I benefici di DIODA

Gli obiettivi del risparmio energetico e quindi economico, e della massima confortevolezza, possono essere colti in maniera semplice e immediata dalle aziende che per i loro capannoni e spazi industriali scelgono il relamping DIODA. Si tratta di un servizio completo e su misura che parte da un audit preliminare, cioè un’attenta analisi dei luoghi interessati, e arriva sino alla consegna della soluzione LED più indicata, passando per l’eventuale dismissione del sistema d’illuminazione preesistente e l’installazione del nuovo. Il tutto, senza extra-costi o spese occulte. Infatti, le nuove lampade LED di DIODA, servizio proposto da Repower, vengono installate a costo zero grazie al risparmio che le aziende registrano, sin da subito, sui costi tipici dell’energia elettrica. E senza che per questo esse debbano in alcun modo modificare le loro abitudini di consumo.

La resa estetica del LED consente inoltre di raggiungere un ulteriore, ma non meno prezioso traguardo: dare cioè agli spazi di lavoro un ambiente più confortevole, a vantaggio del personale, dei clienti e dei visitatori.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here