Il progetto Pure conferma l’impegno di Comau

Per rispondere al crescente interesse che riscuotono le tematiche ambientali, espresso anche nel corso della giornata mondiale dell’ambiente, Comau, insieme a Iscleanair, Fagor, Arrasate e Cea, ha messo a disposizione competenze congiunte per sviluppare un’innovativa tecnologia di purificazione dell’aria (APA – Air Pollution Abatement system), in grado di assorbire ed eliminare in modo naturale la maggior parte degli elementi contaminanti presenti negli ambienti di produzione. Conosciuto come Pure, questo progetto europeo, iniziato nel 2021, ha portato a sviluppare una tecnologia brevettata, basata sull’uso dell’acqua e senza filtri, da installare nelle aree considerate a rischio, all’interno di spazi industriali e di luoghi di lavoro in prossimità degli operatori. La tecnologia APA consente alle aziende di migliorare la purezza dell’aria dei propri stabilimenti e il benessere dei lavoratori. In questo contesto, Pure ha completato il suo primo test d’utilizzo, ottenendo risultati positivi.

Cinque prototipi di sistemi APA sono stati installati presso lo stabilimento Fagor di Arrasate in Spagna, azienda di riferimento nella progettazione e nella produzione di presse e sistemi di stampaggio, linee per il taglio e lavorazione della lamiera e impianti per la lavorazione di componenti metallici. Il progetto pilota ha dimostrato che in ogni scenario produttivo, grazie all’utilizzo dei sistemi APA, il livello di particolato (PM) è significativamente ridotto. Durante le operazioni di verniciatura, che causano l’emissione di un alto grado di particolato, si è osservato un abbattimento superiore al 50%, per qualunque tipologia di questo elemento. Una situazione analoga è stata rilevata per il PM10, nel caso di applicazioni di lucidatura e stuccatura, che comportano una contaminazione elevata degli ambienti. Risultati che hanno convalidato la capacità del sistema APA di ridurre l’inquinamento da particolato durante le operazioni industriali.

Analogamente, è stata osservata una riduzione del composto organico volatile totale (TVOC) nel caso di attività di verniciatura, lucidatura e stuccatura, identificate come fonti di emissioni significative di componenti organici volatili (COV) nel periodo considerato. È stato osservato inoltre un abbattimento del TVOC di oltre il 60% durante la lucidatura e l’applicazione di stucco e di oltre il 40% nella verniciatura.

Giovanni Di Stefano, head of Advanced Robotics and Digital Solutions di Comau, ha sottolineato l’importanza di questo progetto pan-europeo nell’ambito della politica aziendale di Comau in favore della sostenibilità: «I primi risultati della capacità di abbattere gli agenti inquinanti in un ambiente industriale, da parte della tecnologia APA, sono stati sorprendenti e riflettono l’impegno di Comau nel mettere la sostenibilità ambientale al centro del proprio piano di sviluppo. Questo sistema vuole eliminare, in modo naturale, gli elementi contaminanti presenti nell’aria o che sono rilasciati durante il processo produttivo».

Il sistema APA è uno strumento che contribuisce a raggiungere l’Obiettivo 9 per lo Sviluppo Sostenibile Globale indicato dalle Nazioni Unite in riferimento all’industria, all’innovazione e alle infrastrutture produttive (obiettivi 9.1 e 9.4). Questo dispositivo si basa su una tecnologia senza filtri, efficace e facile da utilizzare, che impiega acqua semplice per purificare l’aria dalla presenza di fattori contaminanti, inquinamento e microrganismi dannosi, come i virus. Attraverso lo sviluppo della piattaforma di monitoraggio PURE, è possibile interpretare l’andamento delle attività di abbattimento dell’inquinamento atmosferico e conservare uno storico delle dinamiche e degli eventi di contaminazione. Utilizzando acqua standard, pre o post-trattata, che è restituita in modo sicuro all’ambiente, il sistema APA non comporta sprechi ed è quindi altamente sostenibile.

Grazie all’esperienza e alla competenza di Comau nel settore della manifattura industriale, insieme alle tecnologie e alle competenze messe in campo dai partner che hanno partecipato a questo progetto europeo, il sistema PURE è stato finalizzato all’inizio del 2022.